Home Musica News Musica

Bruce Springsteen, ascolta ‘Janey Don’t Lose Your Heart’ dal nuovo album live del tour dell’85

La registrazione, incisa il 27 settembre 1985 al Los Angeles Memorial Coliseum, è rimasta nascosta per 34 anni, ma ora il Boss l'ha rilasciata come parte dei nuovi album dai suoi archivi live

Bruce Springsteen e la E Street Band erano in viaggio da oltre un anno quando il tour di Born In The USA si è concluso con quattro serate al Los Angeles Memorial Coliseum alla fine di settembre del 1985. Springsteen era al culmine assoluto del suo successo con sei singoli singoli dell’album in Top Ten (e un settimo in arrivo). Gli stadi e le arene ovunque suonasse erano sold out. Un team di professionisti era a disposizione per registrare ogni esibizione del tour per il cofanetto Live 1975-85, ma alla fine sono state usate solo le incisioni della terza data

La registrazione della serata di apertura del 27 settembre 1985 è rimasta nascosta per 34 anni, ma ora Springsteen l’ha rilasciata online per la serie dei nuovi album dal vivo direttamente dai suoi archivi live. Potete ascoltare chicche come Janey Do not Lose Your Heart qui sopra. La canzone era il lato B di I’m Goin ‘Down e il Boss non l’aveva mai suonata dal vivo prima. (E non l’avrebbe fatto più per altri otto anni). Era anche la prima volta che interpretava una cover di War di Edwin Starr.

“Mi piacerebbe dedicare la prossima canzone a tutti i ragazzi e le ragazze là fuori”, ha detto prima di iniziare a suonare, “e ricordarvi che la fiducia cieca in qualsiasi cosa, nei vostri leader, nel 1985, vi faranno uccidere. Non importa che viviate nel Centro America o che siate un giovane iraniano, iracheno o un russo in Afghanistan”. (Una versione live registrata tre giorni dopo sarebbe stata rilasciata come primo singolo di Live 1975-85 l’anno successivo).

Il tour di Born In The USA si è concluso al Los Angeles Memorial Coliseum il 2 ottobre 1985, dopo 156 concerti in tutto il mondo. Springsteen sarebbe praticamente sparito dalla scena per due anni e al suo ritorno con Tunnel of Love nel 1987 non era più concentrato su inni singalong per la radio come Glory Days. E nonostante il grande successo che ha avuto negli ultimi trent’anni, non avrebbe avuto più la stessa influenza culturale del periodo di Born In The USA tra il 1984/85.

Leggi anche