Britney Spears minaccia di fare causa agli ex manager: «Stavano cercando di uccidermi» | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Britney Spears minaccia di fare causa agli ex manager: «Stavano cercando di uccidermi»

«Affermazioni completamente false, oltre che altamente offensive, dannose e inaccettabili», hanno risposto loro

Foto: Paramount/Getty Images

Britney Spears smiling as she looks back in a scene from the film 'Crossroads', 2002. (Photo by Paramount/Getty Images)

Britney Spears si è scagliata contro la sua ex società di gestione aziendale, la Tri Star Sports & Entertainment.

In particolare, la popstar ha accusato Lou Taylor e Robin Greenhill di aver tentato di ucciderla quando lei ha minacciato di fare causa alla compagnia. Britney ha condiviso un post che racconta di una visita all’ufficio della società di gestione una settimana prima di essere messa sotto conservatorship, nel 2008.

«Mi hanno fatto sentire speciale… per poi uccidermi una settimana dopo!», ha scritto Britney. «Mio padre adorava quelle donne e avrebbe fatto qualsiasi cosa gli avessero chiesto! Penso che stessero cercando di uccidermi. Ancora oggi credo che sia ESATTAMENTE quello che stavano cercando di fare, ma non c’era niente di sbagliato in me e non sono morta!»


La Spears, che è stata liberata dalla sua tutela lo scorso novembre, ha aggiunto: «Nessun altro avrebbe vissuto quello che hanno fatto a me. Farò causa alla Tri Star. L’hanno fatta franca e sono qui per avvertirli ogni giorno della mia preziosa vita!».

L’azienda ha negato le accuse della Spears. «Queste affermazioni sono completamente false, oltre che altamente offensive, dannose e inaccettabili», ha detto Charles Harder in una dichiarazione a Rolling Stone.

Alla fine dell’anno scorso, la Spears ha anche accusato Lou Taylor di aver messo cimici nella sua stanza per intercettarla. L’organizzazione ha negato anche queste accuse: «Nessuno alla Tri Star ha mai suggerito di monitorare le comunicazioni elettroniche della signora Spears», ha detto Greenhill.