Bob Dylan ha risposto alle accuse di molestie sessuali | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Bob Dylan ha risposto alle accuse di molestie sessuali

«È un’estorsione mascherata da denuncia, l’accusa è falsa e pericolosa», dicono gli avvocati del cantautore, denunciato per aver abusato di una donna nel 1965 


Bob Dylan

Foto: Harry Scott/Redferns

La scorsa estate Bob Dylan è stato accusato di aver abusato una donna nel 1965, quando lei aveva 12 anni. Secondo la denuncia, il cantautore avrebbe prima “sfruttato il suo status di musicista per adescare la donna e controllarla”, poi sarebbe arrivato ad abusare di lei dopo averla drogata. Ieri il cantautore ha risposto tramite i suoi avvocati, che hanno definito la denuncia «ridicola», un ricatto economico pensato da una «veggente» che ha anche dichiarato di essere stata «rapita dagli alieni e di aver guidato la loro nave spaziale».

«Questo caso è un’estorsione mascherata da denuncia», dicono gli avvocati. «È stata depositata in malafede con l’obiettivo di ottenere denaro con la minaccia di cattiva pubblicità. L’accusa è falsa, pericolosa, sconsiderata e diffamatoria. Mr. Dylan non subirà ricatti».

Secondo la denuncia, la donna – che qui utilizza solo le iniziali J.C. – avrebbe subito le molestie tra aprile e maggio del 1965 al Chelsea Hotel di Manhattan. Secondo gli storici di Dylan, il musicista non era a New York in quel periodo, e l’abuso sarebbe «cronologicamente impossibile». Successivamente, J.C. ha modificato la denuncia spiegando che tutto sarebbe avvenuto «nella primavera» di quell’anno.

Secondo gli avvocati di Dylan, la donna si sarebbe inventata tutto. «Secondo il suo sito web, lei è una veggente specializzata nel “canalizzare” le persone scomparse verso le famiglie in lutto, a pagamento», dicono i documenti. Oltre al rapimento degli alieni, secondo gli avvocati J.C. ha anche detto di «parlare con gatti, cani e altri animali – sia vivi che morti –, oltre a insetti e piante».

«La mia cliente e il suo avvocato non si lasceranno bullizzare», ha detto Peter Gleason, legale di J.C. «Alcune persone dicono che Dylan è un profeta. La gente viene etichettata. Più di metà degli americani crede nei fenomeni psichici. Se volete attaccare qualcuno per quello in cui crede, entrerete in un territorio molto pericoloso», ha spiegato. «Il nostro Paese si basa su questo, sulla libertà. [Questa storia] non può distrarci dalle accuse. Questo caso è basato sui fatti».

Nella risposta depositata giovedì, gli avvocati di Dylan dicono che non c’è alcuna possibilità che il cantante si accordi per pagare e far sparire il caso. «Dylan sarà sembrato un bersaglio facile agli avvocati che hanno depositato la denuncia, magari sperano di guadagnare da questa causa fraudolenta. Probabilmente davano per scontato che Dylan non avrebbe avuto voglia di combattere, che avrebbe preferito pagare per evitare il peso, la cattiva pubblicità e le spese necessarie per difendersi. Hanno torto. Mr. Dylan avrà la sua giustizia, e chi lo accusa si assumerà le sue responsabilità».

Altre notizie su:  Bob Dylan