Bob Dylan ha annunciato il suo primo concerto in streaming | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Bob Dylan ha annunciato il suo primo concerto in streaming

L’evento, previsto per il 18 luglio, si intitola Shadow Kingdom ed è la prima performance post-pandemia del cantautore. Si potrà vedere anche dall’Italia, sulla piattaforma Veeps

Bob Dylan

Foto: Harry Scott/Redferns

Il primo concerto post-pandemico di Bob Dylan si chiama “Shadow Kingdom” e verrà trasmesso il 18 luglio in streaming. Lo show sarà ospitato dalla piattaforma Veeps, visibile anche dall’Italia, e i biglietti – già disponibili a questo link – costeranno 25 dollari. La performance resterà disponibile per la visione per 48 ore. «Shadow Kingdom mostrerà l’artista in un ambiente intimo», dice il comunicato di presentazione, «e proporrà i brani tratti dal suo vasto repertorio in una versione appositamente rivisitata per questo evento». Al momento non sappiamo quale sarà la location e nemmeno se il concerto sarà in diretta o pre-registrato.

Dylan non suona dal vivo dall’8 dicembre 2019, quando salì sul palco dell’Anthem di Washington. Il cantautore doveva partire in tour nel 2020, ma i suoi piani sono cambiati a causa della pandemia. Il 19 giugno dello scorso anno ha pubblicato l’album di inediti Rough and Rowdy Ways – ne abbiamo parlato qui –, ma non ha mai suonato quelle canzoni dal vivo. «È un onore incredibile e un punto culminante per tutti noi di Veeps avere l’opportunità di lavorare con Bob Dylan e di far parte di quella che sarà sicuramente una performance davvero speciale e storica, non solo come professionisti, ma anche come fan della musica», ha detto il co-fondatore della piattaforma Joel Madden.

Dylan non restava così a lungo lontano da un palco dall’inizio del Never Ending Tour, nel 1988, e non passava un intero anno senza concerti dal 1977. Per il momento non ha annunciato nessun’altra data o un tour. C’è da dire, però, che organizzare un concerto in streaming è una mossa poco ortodossa per il cantautore. Negli ultimi decenni, infatti, non ha autorizzato quasi nessuno a filmare le sue performance dal vivo.

Altre notizie su:  Bob Dylan