Blanco molestato, Enrico Ruggeri pubblica una foto simile: «Per me non fu una tragedia» | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Blanco molestato, Enrico Ruggeri pubblica una foto simile: «Per me non fu una tragedia»

Il cantante ha poi aggiunto: «I bimbiminkia non sanno sdrammatizzare: non parlavo di violenze o altro, era una battuta su un caso simpatico dal quale è nato un polverone stucchevole»

Non si spengono le polemiche dopo quanto avvenuto sabato 21 maggio durante l’evento musicale di Radio Italia Live in Piazza del Duomo a Milano, quando una fan ha toccato Blanco nelle parti intime. Il gesto, ripreso in video, ha scatenato un delirio di commenti sui social e discussioni accese e polarizzate.

Non tutti sono stati duri nel condannare il gesto. Enrico Ruggeri su Twitter ha voluto sdrammatizzare la vicenda pubblicando oggi una sua vecchia foto presa da un giornale, aggiungendo la seguente didascalia: «Se devo essere sincero per me fatti come questo non furono una tragedia».

Nell’immagine si vede il cantautore di fronte al pubblico e, da sotto, spuntano mani femminili che lo palpeggiano, proprio come accaduto a Blanco. Lo strillo abbinato alla foto è “Mani proibite sull’idolo rock”.

Anche in questo caso, gli utenti si sono scatenati. In tanti lo hanno accusato di essere «un maschilista imbarazzante e ridicolo» o che se «in questa foto sembri pienamente consenziente e il fatto che questi fatti non furono per te una tragedia, non rende il gesto universalmente accettabile». Altri, pochi, lo hanno sostenuto: «Finalmente qualcuno che si libera dell’ormai insopportabile mantello del politically correct».

Fatto sta che, per chiarire meglio il suo pensiero, poco dopo Ruggeri è tornato a twittare. In risposta a un utente che ha scritto «e anche oggi i boomer ce la fanno domani», il cantante ha replicato che il post precedente era ironico: «E i bimbiminkia non sanno sdrammatizzare (non parlavo di violenze o altro, era una battuta su un caso simpatico dal quale è nato un polverone stucchevole)».

Altre notizie su:  Blanco Enrico Ruggeri