Björk: «Un regista danese mi ha molestata» | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Björk: «Un regista danese mi ha molestata»

L'artista islandese non ha fatto nomi, ma ha girato solo un film con un regista danese, Lars Von Trier

«Tutte le donne che stanno raccontando la loro storia online mi hanno ispirato», ha scritto Björk su Facebook, «quindi ecco quello che mi è successo con un certo regista danese». L’artista islandese non ha fatto nomi, ma ha girato solo un film con un regista danese nella sua carriera – Dancer in the Dark, nel 2000, Palma d’Oro a Cannes -, diretto da Lars Von Trier.

«Sapevo perfettamente che fare l’attrice significava entrare in un mondo dove l’umiliazione delle donne è una regola scolpita nella pietra. E non era solo il regista il problema, c’erano dozzine di persone che rendevano tutto possibile e che lo incoraggiavano», ha scritto Björk. «Ho capito che è un problema universale, un regista può aggredire sessualmente le sue attrici e il mondo del cinema lo permette ogni giorno».

Ha bisogno di una donna per far funzionare la sua anima. Le invidia e le odia, ed è per questo che deve distruggerle

Tutte le volte che ha provato a rifiutare veniva punita e umiliata. «Ha creato questa rete di illusioni dove ero dipinta come quella difficile. Grazie alla mia forza, alle persone meravigliose che lavorano con me e alla mia mancanza di ambizioni nel mondo del cinema, sono riuscita a girarmi dall’altra parte. Dopo qualche anno ne sono uscita, ma ho paura che per moltissime donne non sia la stessa cosa».

Non è la prima volta che si parla del difficile rapporto tra Björk e Von Trier, ma nessuno immaginava che si fosse arrivati alla violenza sessuale. In una intervista del 2011 per GQ, il regista ha raccontato che Björk scrisse una lettera a Nicole Kidman per avvisarla, non voleva che lavorasse a Dogville.

«Ci sono e ci sono stati registi sessisti, gente come Woody Allen o Stanley Kubrick, ma loro mettevano l’anima nei loro film», ha concluso Björk su Facebook. «Nel caso di Von Trier non è così, e lui lo sa benissimo. Ha bisogno di una donna per far funzionare la sua anima: le invidia e le odia. Ed è per questo che deve distruggerle durante le riprese. E nascondere le prove».

Altre notizie su:  Björk