Home Musica News Musica

Beyoncé è un fantasma?
Shakira è una capra?

Ecco come vediamo i nostri artisti più amati (e odiati) attraverso Google. Un'indagine condotta da Ticketbis svela i suggerimenti di ricerca più comuni, con alcune curiosità

Non sembra tanto un fantasma, Beyoncé. Fonte: Facebook

Non sembra tanto un fantasma, Beyoncé. Fonte: Facebook

Chi non conosce la fobia di Eminem verso le giraffe o le origini aliene di Britney Spears?

Secondo lo studio elaborato da Ticketbis, sulla base delle principali Google Suggestions a livello mondiale, esistono degli schemi di ricerca che si ripetono e che uniscono molti utenti riguardo ai loro artisti favoriti. L’indagine, che include 45 artisti di fama mondiale, dimostra che, anche se in genere prevalgono le ricerche di informazione generale su vita morte e miracoli della star implicata, la sua vita amorosa o la sua provenienza, non mancano le domande più strane, “problematiche” o quanto meno creative.

Il mondo animale

miley pollo

Molti interrogativi, per esempio, sono associati al mondo animale. “Shakira è una capra?”, è una delle search piú comuni tra gli utenti della rete, spazio in cui si trovano persino immagini piuttosto esplicite riguardo a questo paragone. Ma la cantante colombiana non è certo l’unica. “Miley Cyrus è un pollo” o “una giraffa” (sicuramente per la forma in cui fa la linguaccia) si enumera tra le ricerche top relative al nome della cantante.
“Lady gaga è un cane?”, così sembrano pensare altri ammiratori della stravagante diva. Tra gli interpreti maschili sono invece minori i paragoni con il regno animale, anche se non mancano esempi come “Mika è un gattino?”.

Britney un alieno, Bieber arriva da Game of Thrones

Joffrey21

Ci sono artisti a cui va ancora peggio come Britney Spears, della quale gli utenti del web non esitano a chiedere se è un “Alien con tre teste” o, nel caso di Beyoncè, se “è un fantasma”. Tra i dubbi più sibillini del motore di ricerca si trovano anche quelli riguardanti uno degli idoli delle teenagers: “Justin Bieber è come Joffrey?” (quello di Game of Thrones, sí). Sará forse per la sua spavalderia? La somiglianza, senza dubbio, può essere notevole e nel Cyberspazio abbondano i fotomontaggi su questo tema. Un’altra delle parole più cercate insieme al nome del cantante è “manlet”, che in italiano può essere tradotto con palestrato.

Speculazioni, genere sessuale e satanismo

adele

Non mancano nemmeno le speculazioni e le accuse. Il numero di searches relative ai temi “Rihanna è incinta, Chris è il responsabile”, “Adele è una patata”, “David Guetta è sordo”, ”John Lennon è comunista”, “gli U2 sono degli ipocriti” o “Eminem ha paura delle giraffe” sono tra le più gettonate. Iggy Azalea è uno dei bersagli preferiti dagli utenti di Google: “è un uomo”, “è falsa?” o “è una drag queen?” sono solo alcune delle piú digitate. E non è l’unica artista femminile rispetto alla quale si mette in discussione il genere: Jessie J o Ariana Grande sono anch’esse “vittime” dell’invettiva dei fan. In campo maschile, invece, stravincono gli One Direction in quanto a ricerche relative ai loro gusti musicali.
Intorno a band come gli AC/DC, che abbiamo visto a Imola lo scorso 9 di luglio, esistono invece una serie di interrogativi che vanno da un estremo all’altro, ad esempio: “Gli AC/DC sono ebrei?” oppure “Sono satanici?”.

Un pensiero a chi non c’è più

michael jackson

Infine, siamo più generosi quando si tratta dei grandi della musica che sono già passati a miglior vita. “Michael Jackson è ora in paradiso”, “Bob Marley è vivo” o “Amy Winehouse è una leggenda” spopolano nel motore di ricerca più usato. Le future generazioni saranno così amabili anche con gli attuali idoli della musica? Siamo sicuri che Google raccoglierá anche questi input, per poi raccontarceli.