Home Musica News Musica

Bello Figo è l’artista più politicizzato in Italia

Il suo ultimo pezzo, "Referendum Costituzionale", oltre che stanare i razzisti sta facendo ciò che nessuno ha fatto: stimolare il dibattito

Fonte: Facebook

Fonte: Facebook

Non segnalo quasi mai i commenti offensivi su Facebook. In parte perché, lavorando in una redazione (anche) online con una propria pagina su ogni Social, mi capita di leggerne quotidianamente di tutti i colori, cosa che ha innalzato di parecchio la mia soglia di sopportazione e forse di apatia. Dopodiché, la parte del giustiziere cibernetico non mi appartiene proprio. Anche perché, via, qualche volta è anche bello sfogare un po’ di rabbia da tastiera nelle baruffe sotto i post. Per carità.

Ieri sera però mi sono imbattuto nel commento di un certo Marco Palenga sotto una foto caricata da Bello Figo. Una specie di teaser del nuovo pezzo del rapper che è poi uscito qualche ora dopo, Referendum Costituzionale. Per chi non lo conosce, Bello Figo è un ragazzo—21 anni, vive a Parma ma è originario del Ghana—che su Internet ormai conta milioni di visualizzazioni su YouTube e decine di migliaia di follower su Instagram. Perché? Fa ridere, è simpatico.

I suoi video amatoriali girati maluccio fondono un rap sgangherato con innocue volgarità tipo ripetere “Mi faccio una sega” per un’intera strofa. Cose così, quello che si definisce un meme, un personaggio da seguire sui social per il puro gusto di ridere un po’. Proprio come abbiamo fatto tutti con i vari Andrea Dipré, Gianni Morandi, Giancarlo Magalli, etc.

Insomma, quando ieri sera ho visto questo Marco Palenga che dava della scimmia e del negro a Bello Figo sotto il suo post, la cosa non mi è andata giù e l’ho segnalato. Per la cronaca, questa mattina Facebook mi ha risposto che il commento “rispettava” i suoi standard di qualità per cui, complimenti per la policy impeccabile. Quello che però mi preme sottolineare è che quasi mai si arriva a un razzismo così becero nei commenti ai post di Bello Figo, tranne quando si tocca il tasto politica. Era successo con Swag Berlusconi ed è ricapitato con il pezzo sul Referendum uscito ieri. Certo, le sue idee politiche sono un po’ contrastanti (prima elogia Berlusconi e poi Renzi) e poggiano su basi non sempre inattaccabili (“Vogliamo votar / Perché Matteo Renzi ci dà la figa bianca”), ma Bello Figo di fatto è l’unico artista italiano con una certa visibilità che si sia espresso sul referendum. Facendolo oltretutto con un’ironia che serve a stanare i razzisti e i sempliciotti che si bevono le bufale del Web tipo che i migranti verrebbero ospitati negli hotel a cinque stelle. “Avremo 35 Euro al giorno, in albergo a fare festa con le fighe bianche”, rappa Figo verso metà del pezzo.

Non solo, anche i colleghi meme/personaggi popolari di Internet di cui sopra (Gianni Morandi, Magalli, etc) si sono guardati bene dal parlare del 4 dicembre. Non importa poi se spinge per un voto diverso dal nostro, per la figa bianca e se i suoi post si riempiono di merdosi razzisti come Marco Palenga, Bello Figo è attualmente l’artista più politicizzato che il rap italiano possa vantare. Un rapper, per quanto discutibile sullo stile, che con la sua attività alimenta il dibattito, dicendola lunga sul modo corretto e costruttivo di usare i social.

Leggi anche