Home Musica News Musica

Axl Rose: “Presto il seguito di Chinese Democracy”

Il frontman dei Guns N' Roses conferma i progetti discografici della band: "Pronto anche un disco di remix". E parla del possibile rientro di Duff McKagan

Guns N roses, Axl Rose ritiro Las Vegas

Guns N roses, Axl Rose ritiro Las Vegas

La band nell'ultima incarnazione, Foto via Universal Music

Axl Rose ha confermato l’esistenza non di un solo ma di ben due album che seguiranno Chinese Democracy, uscito ormai sei anni fa. La dichiarazione segue quella di DJ Ashba sulla quantità di materiale inedito presente negli archivi dei Guns N’ Roses.

In una nuova intervista con Revolver infatti Axl Rose afferma:

Prima della pubblicazione di Chinese Democracy abbiamo registrato molto materiale. Abbiamo lavorato un po’ di più ad alcune di quelle cose, e poi in parallelo ne abbiamo sviluppate di nuove, ma in pratica quello che abbiamo è quella che io chiamo “la seconda metà di Chinese“. La quale è già registrata. In più c’è un album di remix delle canzoni di Chinese Democracy che è pronto da un po’.

.

Impossibile dire, al momento, se il nuovo disco si chiamerà Chinese Democracy II, a ricalcare i due volumi di Use Your Illusion. Per maggiori dettagli, Rose ha rimandato a dopo il 18 e 19 giugno, quando la band presenterà negli Stati Uniti il film in 3-D tratto dalle esibizioni dei Guns N’ Roses a Las Vegas e del quale questo è il trailer:

Nella stessa intervista, Rose ha anche fatto riferimento a un possibile rientro in pianta stabile di Duff McKagan in formazione: l’ex bassista ha sostituito l’assente Tommy Stinson per una manciata di date in Sud America mentre questi era impegnato con i suoi Replacements.

È possibile (che Duff ritorni, ndr). Non ne sono ancora sicuro. Dipende dai calendari, o da quali concerti impegneranno Tommy con i Replacements, quel genere di cose. E poi c’è da dire che quasi tutti i componenti della band hanno dei casini a livello personale. C’è gente che sta soffrendo per dei lutti in famiglia. Altri si stanno separando, oppure c’è di mezzo un tribunale. È la vita!

Leggi anche