Arcade Fire: Win Butler è accusato di molestie sessuali | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Arcade Fire: Win Butler è accusato di molestie sessuali

Quattro donne hanno accusato il cantante, che ha ammesso relazioni extraconiugali ma ha insistito fossero consensuali

Foto: Rich Fury/Getty Images for Coachella

Win Butler degli Arcade Fire è stato accusato di violenza sessuale da più donne tra il 2016 e il 2020.

Nel rapporto di Pitchfork, quattro donne – tre delle quali erano “devote” fan degli Arcade Fire di età compresa tra i 18 e i 23 anni al momento dell’incontro con Butler – hanno dettagliato le loro accuse nei confronti del cantante, che è sposato con la compagna di band Régine Chassagne dal 2003. Butler ha ammesso le relazioni extraconiugali in una dichiarazione a Pitchfork, ma ha insistito sul fatto che tutti gli incontri sessuali fossero “consensuali”.

“Lily”, che è gender fluid e usa i pronomi they/them, ha detto di aver incontrato Butler a un concerto a Montreal nel 2015 e di aver iniziato con lui un’amicizia. Tuttavia, dopo una cena del febbraio 2015, Butler avrebbe infilato le mani nei pantaloni di Lily senza consenso; in una risposta al rapporto di Pitchfork, Butler ha affermato di aver messo la mano solo sull’interno coscia di Lily, e non nei pantaloni. Butler e Lily si sono baciati alla fine della serata, ma «non l’ho chiesto io. È stato molto breve e brutto», ha raccontato Lily a Pitchfork.

Due giorni dopo, Butler si è presentato nell’appartamento di Lily, dove «mi ha immobilizzato contro il muro e ha afferrato aggressivamente il mio corpo e mi ha infilato la lingua in gola», ha raccontato Lily. «Era un tentativo di essere sexy, ma non andava bene in quel contesto». Altre tre donne, tutte fan degli Arcade Fire di oltre un decennio più giovani di Butler, hanno raccontato come Butler le abbia cercate sui social media; le conversazioni online tra le fan e il cantante si sono poi trasformate in incontri nella vita reale e in richieste continue di invio di foto esplicite da parte di ciascuna donna. (Secondo quanto riferito, Butler avrebbe anche inviato a una donna foto di sé nudo non richieste).

«Win Butler mi ha chiesto delle foto e ha cercato di fare sexting. E io gli ho detto che la cosa mi metteva molto a disagio», ha scritto una delle donne, “Stella”, in una chat su Facebook del 2016. «Non so davvero cosa fare ora. Continua a mandarmi messaggi. In continuazione».

Un’altra donna, “Sarah”, ha raccontato a Pitchfork delle sue interazioni online con Butler nel 2018: «Ho fatto tutto perché era lui, non mi piace fare alcun tipo di video, soprattutto di tipo sessuale. Ricordo che ero così nervosa e mi vergognavo. Dicevo: ‘Non mi sento bene’. E lui mi diceva: “Mandami subito una foto”. Mi usava, in pratica, come terapista personale e come modo semplice per fare sesso al telefono. Le volte in cui si vedevano su FaceTime erano rigorose: lui si eccitava e riattaccava. Mi sentivo male ogni giorno dopo averlo fatto».

Fiona, che Butler ha contattato dopo aver assistito in prima fila a un concerto degli Arcade Fire a Montreal, ha avuto analogamente una sola interazione con Butler prima di avere incontri sessuali di persona con il cantante; dopo un incontro sessuale a Vancouver, la sera prima di un concerto degli Arcade Fire in quella città, Fiona sostiene di aver tentato il suicidio. «Mi sentivo incredibilmente giù», ha detto Fiona. «Il peso di dover tenere tutto segreto, di mettere costantemente da parte i miei bisogni per placarlo, la mancanza di limiti e il senso di colpa di essere l’altra donna stavano diventando troppo difficili da ignorare».

Rispondendo alle accuse di Fiona, Butler ha riconosciuto di essere a conoscenza del tentativo di suicidio, ma afferma che Fiona gli ha detto che «non era collegato a me, soffriva di una malattia mentale». Tuttavia, Fiona ha replicato: «Era assolutamente legato a lui».

Le quattro donne di cui parla Pitchfork non si conoscevano inizialmente e si sono collegate solo dopo aver condiviso le loro esperienze con Butler in un post su Reddit. «Predatore sessuale – da quando ero una fan girl di 18 anni», ha scritto Fiona in una storia Instagram Live del 2020, il cui screenshot ha alimentato il post su Reddit. «Cercava costantemente di costringermi a incontrarlo per sesso, inviandomi foto di me nuda e inviando foto di lui nudo non richieste dopo che gli avevo ripetutamente detto che non ero interessata. Non mi lasciava in pace e mi mandava messaggi da numeri diversi dopo che l’avevo bloccato. Non mi ha mai chiesto l’età».

In una lunga dichiarazione a Pitchfork, Butler ha ammesso «di aver avuto relazioni consensuali al di fuori del mio matrimonio», ma «non ho mai toccato una donna contro la sua volontà, e qualsiasi insinuazione che io abbia fatto è semplicemente falsa. Nego con veemenza qualsiasi insinuazione che io mi sia imposto a una donna o che abbia chiesto favori sessuali. Questo semplicemente e inequivocabilmente non è mai accaduto».

«Anche se queste relazioni erano tutte consensuali, sono molto dispiaciuto per tutti coloro che ho ferito con il mio comportamento. La vita è piena di enormi dolori ed errori, e non voglio mai essere parte della causa del dolore di qualcun altro», ha dichiarato Butler nel comunicato.

«Ho lottato a lungo con problemi di salute mentale e con i fantasmi dell’abuso infantile. A 30 anni ho iniziato a bere mentre affrontavo la depressione più pesante della mia vita dopo che la nostra famiglia aveva subito un aborto spontaneo. Tutto questo non vuole giustificare il mio comportamento, ma voglio fornire un contesto e condividere ciò che stava accadendo nella mia vita in quel periodo. Non riconoscevo più me stesso né la persona che ero diventato. Régine ha aspettato pazientemente guardandomi soffrire e ha cercato di aiutarmi come meglio poteva. So che deve essere stato molto difficile per lei vedere la persona che amava così persa».

Butler ha aggiunto: «Ho passato gli ultimi anni a cercare di salvare quella parte della mia anima. Ho dedicato molto tempo ed energia alla terapia e alla guarigione, anche frequentando gli Alcolisti Anonimi».

In una dichiarazione separata, Chassagne ha detto: «Win è la mia anima gemella, il mio partner nella scrittura delle canzoni, mio marito, il padre del mio bellissimo bambino. È stato il mio compagno di vita e di musica per 20 anni. E per tutto l’amore che c’è stato nelle nostre vite, l’ho anche visto soffrire per un dolore immenso… So cosa c’è nel suo cuore e so che non ha mai toccato e non toccherebbe mai una donna senza il suo consenso e sono certa che non l’ha mai fatto. Ha perso la strada e l’ha ritrovata».

Un rappresentante degli Arcade Fire ha rimandato Rolling Stone alle rispettive dichiarazioni rilasciate da Butler e Chassagne a Pitchfork.

Altre notizie su:  Arcade Fire Win Butler