Apre a Londra la mostra dei quadri di Bob Dylan | Rolling Stone Italia
Home Musica News Musica

Apre a Londra la mostra dei quadri di Bob Dylan

In un saggio il musicista ha detto di aver voluto rappresentare la natura e le sue immagini "senza idealizzarle"

Bob Dylan. Foto Michael Kovac/WireImage

Bob Dylan. Foto Michael Kovac/WireImage

In un recente articolo scritto di suo pugno per Vanity Fair, Bob Dylan ha voluto confessare le ispirazioni dietro i quadri che verranno esposti nella mostra The Beaten Path, una raccolta di acrilici, disegni e acquerelli dipinti dal cantautore incentrati su paesaggi americani. «Per questa serie di quadri, l’idea era di creare immagini che non potessero essere interpretate male o non comprese da me o da chiunque altro» ha detto Dylan dell’esibizione che aprirà i battenti il 5 novembre Halcyon Gallery di Londra.

In un lungo saggio – il suo scritto più profondo dopo la sua autobiografia del 2004, Chronicles: Volume One – Dylan ha scritto che il tema unificante di queste opere è l’interpretazione del paesaggio americano “così come lo si vede mentre lo si attraversa, per come realmente è”: «Restare fuori da ciò che è convenzionale e viaggiare sulle strade in stile libero. Credo che la chiave per il futuro sia nei resti del passato».

«Questi dipinti sono pieni del realismo del momento – arcaico, immobile, ma all’apparenza tremante – continua Dylan – Sono in contraddizione con il mondo moderno. Ma questo è il mio modo di fare. La strada di Chinatown a San Francisco sta ad appena due isolati dai capannoni industriali senza finestre. Ma questi freddi edifici giganti non alcun significato nel mondo che vedo o che scelgo di vedere o di esser parte o in cui voglio entrare. Se guardi appena mezzo isolato dopo il chiosco degli hot dog a Coney Island, il cielo è disseminato di grattacieli. Ho scelto di non vederli nemmeno».

Dylan ha anche scritto che i colori dei suoi acrilici e dei suoi acquerelli sono stati creati appositamente per “mostrare meno emozione possibile”, pensati per non essere “emozionalmente severi”.

«L’idea è stata quella di rappresentare la realtà e le sue immagini senza idealizzarle – ha scritto Dylan – la mia idea è stata di comporre lavori capaci di creare stabilità, concentrandomi su oggetti generalizzati, universali, e facilmente identificabili, in modo da rappresentare scene di vita e di vita inanimata per se stesse. Da Vinci dipingeva quadri sfocati – si vedono linee, ma sono come nubi che si dissolvono l’una nell’altra in diverse combinazioni di colori. Un punto di vista opposti era quello di Mondrian e Van Gogh, con linee rigorose che definiscono i volumi di spazio. Nel mezzo da qualche parte si trovavano Kandinsky e Rouault. E questi dipinti probabilmente rientrano in questa categoria».

Il mese scorso, Dylan è stato insignito del premio Nobel per la letteratura, anche se ha scatenato numerose polemiche per aver rifiutato di rispondere alla Commissione per settimane. La scorsa settimana, il cantautore ha finalmente commentato la vittoria in un’intervista al Telegraph, definendosi onorato per il premio, e aggiungendo: «Chi avrebbe mai sognato qualcosa del genere?».
Dylan ha anche aggiunto che, “se gli sarà possibile”, parteciperà “sicuramente” alla premiazione dei Nobel a Stoccolma il 10 dicembre.

Altre notizie su:  Bob Dylan