Addio ad Aretha Franklin, la Regina del Soul

Se n'è andata questa mattina a 76 anni nella sua casa di Detroit. Era malata da tempo di cancro al pancreas.

Aretha Franklin, foto Getty Images


Fu un breve momento che sarebbe riverberato per decenni. Il 24 gennaio 1967, Aretha Franklin stava lottando per registrare I Never Loved a Man (The Way I Love You), il suo primo progetto per Atlantic dopo diversi anni di materiale più convenzionale per la Columbia. Come ricordava Franklin, qualcosa con i musicisti dello studio non stava facendo clic finché qualcuno non ha detto “Aretha, perché non ti siedi e suoni?”.

Prendendo posto al piano, Franklin tagliò rapidamente la traccia fumante che sarebbe diventata la sua prima N. 1 hit R&B. “È appena successo”, ha detto. “Ci siamo arrivati ​​e ci siamo arrivati ​​molto rapidamente”. E non si è mai fermata. Per più di cinque decadi, Franklin era una presenza singolare nella musica pop, un simbolo di forza, di liberazione delle donne e del movimento per i diritti civili. Aretha, una delle più grandi cantanti di tutti i tempi, è morta oggi di cancro al pancreas, come comunicato dalla sua addetta stampa, Gwendolyn Quinn.

“È con profondissima tristezza che annunciamo la scomparsa di Aretha Louise Franklin, la Regina del Soul”, ha detto Quinn in una dichiarazione. “Franklin … è scomparsa giovedì mattina 16 agosto alle 9:50 nella sua casa di Detroit, circondata da familiari e persone care. In uno dei momenti più bui della nostra vita, non siamo in grado di trovare le parole appropriate per esprimere il dolore nel nostro cuore. Abbiamo perso la matriarca e roccia della nostra famiglia. L’amore che aveva per i suoi figli, nipoti e cugini non aveva limiti”.

“Siamo stati profondamente toccati dall’incredibile flusso di amore e sostegno che abbiamo ricevuto da amici intimi, sostenitori e fan in tutto il mondo”, ha aggiunto Quinn. “Grazie per la vostra compassione e le vostre preghiere. Abbiamo sentito l’amore per Aretha e ci dà conforto sapere che la sua eredità continuerà a vivere. Mentre ci confrontiamo con il dolore, chiediamo di rispettare la nostra privacy in questo momento difficile”.

Nel 1967 è diventata la “Regina del Soul”, e da allora Franklin ha cambiato la nostra cultura in tante occasioni monumentali. Figlia di un pastore, è nata con una delle voci più singolari e potenti del pop, capace di muoversi dai sussurri più seducenti fino a un ruggito gospel. Sin dalle prime hit, come I Never Loved a Man e Think, fino agli ultimi capolavori come Sister Are Down’ it for Themselves, il suo timbro è sempre stato inconfondibile. E come dice Jerry Wexler, uno dei suoi storici produttori, «era uno di quei perfetti mix r&b tra sacro e profano… Aretha portava la chiesa nel bel mezzo di un fumoso nightclub. È stata grandiosa per tutti».

Aretha Franklin, però, è stata molto più che una cantante titanica capace di variare senza difficoltà tra pop, jazz, r&b, gospel e disco. I suoi fan la chiamavano “Aretha”, solo il nome per una pop star complessa e disordinata. “Our Lady of Mysterious Sorrows”, ha scritto Wexler nella sua biografia. Nonostante emanasse una presenza regale e sicura, la sua vita ha sempre tremato più della sua voce. Un’infanzia difficile, almeno un brutto matrimonio, problemi di alcolismo e salute che l’hanno resa sempre più umana, e sempre più amata. «Nella sua voce ci sono la redenzione e il dolore, la nostalgia, tutto allo stesso tempo», ha detto Bonnie Matt a Rolling Stone nel 2003.

Il suo viaggio – dalle prime esibizioni nella chiesa del padre fino a diventare la voce del movimento per i diritti civili – rappresenta anche l’esperienza degli afroamericani negli anni ’60. La sua versione funk di Respect di Otis Redding, era molto di più che una hit. «Non sapeva che sarebbe diventato l’inno degli afroamericani, delle donne, di chiunque si sia mai sentito emarginato per il suo aspetto o per chi sceglie di amare», ha detto Barack Obama nel 2014. «Volevano solo rispetto».