Home Musica News Musica

Addio a John Prine, uno dei più grandi cantautori americani

L'artista, vincitore di due Grammy e simbolo della musica folk e country, è morto per complicazioni dovute al coronavirus. Aveva 73 anni

Foto: Charlie Gillett Collection/Getty Images

John Prine, che per cinquant’anni ha scritto brani che raccontavano le lotte e le storie di chi lavorava duramente ogni giorno, cambiando il volto della musica folk e country americana, è morto martedì al Vanderbilt University Medical Center di Nashville per complicazioni legate al COVID-19. Lo ha confermato la sua famiglia a Rolling Stone. Aveva 73 anni.

Prine, che ci ha lasciato uno straordinario numero di classici, è stato ricoverato in ospedale il mese scorso dopo l’insorgenza improvvisa dei sintomi da coronavirus ed è stato in terapia intensiva per 13 giorni. La moglie e manager di Prine, Fiona, hanno annunciato il 17 marzo di essere risultata positiva al virus dopo il ritorno da un tour europeo.

Come cantautore, Prine fu particolarmente ammirato da Bob Dylan, Kris Kristofferson e tanti altri: era noto per la sua capacità di raccogliere esperienze apparentemente ordinarie – ha scritto molti dei suoi classici mentre faceva il postino a Maywood, nell’Illinois – per brani rivelatori che coprivano tutta l’esperienza umana. C’è Hello in There, sulla devastante solitudine di una coppia di anziani; Sam Stone, ritratto di un soldato del Vietnam tossicodipendente affetto da disturbo da stress post-traumatico; e Paradise, un’ode alla città natale nel Kentucky, che è diventata un inno ambientale. Prine ha affrontato questi argomenti con empatia e umorismo, con un occhio per “gli spazi nel mezzo”, i momenti di cui le persone non parlano, ha detto a Rolling Stone nel 2017. “La scrittura di Prine è puro esistenzialismo proustiano”, ha affermato Dylan nel 2009 “Viaggi mentali nel Midwest all’ennesima potenza”.

Prine è stato anche autore, attore, proprietario di un’etichetta discografica, due volte vincitore di un Grammy, membro della Songwriters Hall of Fame, la Nashville Songwriters Hall of Fame, e vincitore del premio PEN New England Song Lyrics of Literary Excellence Award 2016, un onore precedentemente conferito a Leonard Cohen e Chuck Berry. Prine ha contribuito a plasmare il genere Americana, che ha guadagnato popolarità negli ultimi anni con il successo di suoi fan come Jason Isbell, Amanda Shires, Brandi Carilie, per citarne alcuni. Cover dei suoi pezzi sono state cantate da Bonnie Raitt (che ha reso popolare Angel From Montgomery, la ballata soulful su una donna bloccata in un matrimonio senza speranza), George Strait, Carly Simon, Johnny Cash, Don Williams, Maura O’Connell, gli Everly Brothers, Joan Baez, Todd Snider, Carl Perkins, Bette Midler, Gail Davies e tanti di altri.

Sebbene sia stato un cantautore underground per la maggior parte della sua carriera, Prine ha avuto un notevole exploit finale. Nel 2018 ha pubblicato The Tree of Forgiveness, il suo primo album di materiale originale in 13 anni. L’album ha conquistato il numero cinque della Billboard 200, il miglior debutto della sua carriera, e Prine ha suonato in alcuni dei suoi show più grandi di sempre, tra cui il tutto esaurito al Radio City Music Hall di New York. L’album è stato pubblicato sotto l’egida di Oh Boy Records, l’etichetta indipendente che Prine ha fondato con il suo manager di storico, socio e amico Al Bunetta. Negli ultimi anni Prine, la moglie e il figlio Jody hanno gestito l’etichetta da un piccolo studio di Nashville.

Altre notizie su:  John Prine