Home Musica News Musica

Addio a Glenn Frey, chitarrista e co-fondatore degli Eagles

È morto ieri sera a New York, il coautore di "Hotel California" aveva 67 anni

Glenn Frey, fondatore degli Eagles insieme a Don Henley, Joe Walsh. John Felder, Timothy B. Schmidt e Randy Meisner

Glenn Frey, fondatore degli Eagles insieme a Don Henley, Joe Walsh. John Felder, Timothy B. Schmidt e Randy Meisner

Glenn Frey, chitarrista degli Eagles e membro della Rock and Roll Hall of Fame, è scomparso lunedì. Aveva 67. “È con il cuore a pezzi che annunciamo la scomparsa del nostro amico, il fondatore degli Eagles, Glenn Frey, a New York City, lunedì 18 gennaio 2016. Glenn ha combattuto una battaglia coraggiosa nelle scorse settimane ma, purtroppo, è stato sconfitto dalle complicazioni causate da artrite reumatoide, colite ulcerosa acuta e polmonite”, hanno scritto gli Eagles in una dichiarazione.

“La famiglia Frey vorrebbe ringraziare tutti quelli che hanno accompagnato Glenn in questa battaglia e hanno sperato e pregato per la sua guarigione”, continua la dichiarazione. “Le parole non possono descrivere la nostra sofferenza, il nostro amore e il nostro rispetto per tutto quello che ha dato a noi, alla sua famiglia, alla comunità musicale e milioni di fan in tutto il mondo”.

In una dichiarazione separata, Don Henley dice di Frey, “Era come un fratello; eravamo una famiglia e come in tutte le famiglie c’erano dei problemi. Ma il legame che abbiamo creato 45 anni fa non si è mai rotto, anche durante i 14 anni di separazione. Eravamo due giovani che andavano a Los Angeles con lo stesso sogno: lasciare il nostro segno nell’industria musicale – e con la perseveranza, l’amore per la musica, la nostra alleanza con gli altri musicisti e con il nostro manager, Irving Azoff, abbiamo costruito qualcosa che è durato più a lungo di quanto avessimo potuto sperare. Ma Glenn è stato quello che ha dato il via a tutto. È stata la scintilla iniziale, quello che conosceva il piano iniziale”

Henley continua, “Aveva una conoscenza enciclopedica della musica popolare e un’etica lavorativa che non lo abbandonava mai. Era divertente, testardo, lunatico, generoso, molto talentuoso e ispirato. Amava sua moglie e i suoi figli più di tutto. Siamo tutti in uno stato di shock, increduli e profondamente tristi. Abbiamo chiuso in trionfo il nostro tour History of the Eagles e ora non c’è più. Non sono sicuro di credere nel destino, ma so che incrociare Glenn Lewis Frey sulla mia strada nel 1970 ha cambiato la mia vita per sempre, e ha anche avuto degli effetti sulle vite di altri milioni di persone sulla terra. Sarà molto strano essere al mondo senza di lui. Ma sarò grato, ogni giorno, per averlo incontrato. Riposa in pace, fratello mio”.

Altre notizie su:  Eagles Glenn Frey