Home Musica

New Music Friday, le scelte di Rolling – 8 maggio 2020


Il disco-biografia di Mark Lanegan, l’EP di Little Simz, il blues di Dylan, il singolo scritto in quarantena di Matt Bellamy dei Muse: le uscite da non perdere secondo la redazione di Rolling Stone

Bob Dylan

Foto: Harry Scott/Redferns

Il primo venerdì della “fase 2” verrà ricordato soprattutto per l’annuncio di un nuovo album di inediti di Bob Dylan, Rough and Rowdy Ways, il primo da Tempest del 2012. Con l’annuncio è arrivata anche la nuova False Prophet, un blues decisamente più ritmato dei singoli pubblicati nelle scorse settimane. Questo è anche il venerdì di Straight Songs of Sorrow, il disco che Mark Lanegan ha scritto insieme alla sua biografia, della canzone del lockdown di Matt Bellamy dei Muse, del nuovo EP di Little Simz e dei singoli di St. Vincent, Charli XCX, Ariana Grande, Mumford & Sons, Jon Hopkins, Paul Weller. Tra gli italiani segnaliamo il nuovo singolo dei Fast Animals and Slow Kids, L’abisso di Francesco Bianconi, la collaborazione tra Colapesce, Dimartino e Carmen Consoli e 12 Songs from Home del compositore e pianista Ludovico Einaudi. Come sempre, qui sotto le scelte della redazione di Rolling Stone.

Bob Dylan – False Prophet


A otto anni da Tempest, il 19 giugno Bob Dylan pubblicherà un nuovo album di inediti. Si intitola Rough and Rowdy Ways, e conterrà i due singoli già ascoltati – Murder Most Foul e I Contain Multitudes – e la nuova False Prophet. È un blues dal ritmo sensuale, con un testo ricco di riferimenti spirituali. “Non sono un falso profeta”, dice Dylan tra le chitarre fuzz, “Semplicemente, so quel che so”.

Mark Lanegan – Straight Songs of Sorrow


«È stato un sollievo tornare alla musica», ha detto Mark Lanegan del nuovo album Straight Songs of Sorrow, composto dopo la faticosa scrittura dell’autobiografia Sing Backwards And Weep. Il disco è stato scritto per elaborare «sentimenti profondi collegati ai ricordi del libro», in cui Lanegan ripercorre il suo passato, la tossicodipendenza, la morte di Layne Staley e Kurt Cobain e il lento ritorno alla vita.

Matt Bellamy – Tomorrow’s World


Matt Bellamy ha approfittato dell’isolamento per scrivere e il risultato è il nuovo singolo Tomorrow’s World. È una ballata teatrale e fantascientifica per pianoforte, voce e sezione d’archi, con tutti i barocchismi tipici della scrittura del frontman dei Muse. Il testo parla di un futuro lontano, di un “domani da non sprecare”. Al momento non si sa se questa Tomorrow’s World farà parte di un progetto più grande, magari un album solista.

Le altre uscite

Internazionali

Kehlani – It Was Good Until It Wasn’t
Hayley Williams – Petals for Armor
Little Simz – Drop 6
Fire-Toolz – Rainbow Bridge
White Denim – World as a Waiting Room
Natalia Lafourcade – Un canto por México Vol. 1
Buscabulla – Regresa
Okkyung Lee – Yeo Neun
Blake Mills – Mutable Set
Naomi Berrill – Suite Dreams
St. Vincent – The Eddy (Singolo)
Paul Weller – Village (singolo)
Ariana Grande – Stuck with You (con Justin Bieber) (singolo)
Charli XCX – I Finally Understand (singolo)
Cass McCombs – The Wine of Lebanon (singolo)
Dirty Projectors – Lose Your Love (singolo)
Rhiannon Giddens – Just the Two of Us (feat Skip Shirey) (singolo)
Weezer – Hero (singolo)
Jon Hopkins – Meditations (singolo)
Paul Epworth, Jay Electronica, Lil Silva – Love Galaxy (singolo)
Nicole Atkins – Mind Eraser (singolo)
Dion – Bam Bang Boom (with Billy Gibbons) (singolo)
Mumford & Sons – Forever (Garage Version) (singolo)
Wire – The Art of Persistence (singolo)
David Bowie – Little Wonder (live) (singolo)

Italiane

Dark Polo Gang – Dark Boys Club
Ludovico Einaudi – 12 Songs from Home
Lucio Leoni – Dove sei, pt. 1
Alèfe – Hidden Chamber
Italian Allstars 4 Life – Ma il cielo è sempre più blu (singolo)
Colapesce, Dimartino, Carmen Consoli – Luna araba (singolo)
Fast Animals and Slow Kids – Come conchiglie (singolo)
Zollo – Trust Me (feat Tauro Boys) (singolo)
Perturbazione – Io mi domando se eravamo noi (singolo)
Francesco Bianconi – L’abisso (singolo)