Home Musica

New Music Friday, le scelte di Rolling – 6 dicembre 2019

Il ritorno degli Who, il secondo album postumo di XXXTentacion, l'album dal vivo di Salmo e il nuovo singolo degli Algiers. Le uscite da non perdere secondo la redazione di Rolling Stone

Si avvicina la fine dell’anno e, come sempre, giornalisti e pubblico sono impegnati a stilare la classica lista del meglio e del peggio dei mesi appena passati. L’ansia da classifica, però, non può essere una scusa per ignorare le uscite della settimana, che questo venerdì offre più di un disco interessante: si parte con il rock degli Who, di ritorno con il secondo album in studio in 37 anni; poi Portrait di Yann Tiersen, il nuovo LP di Camila Cabello, la raccolta di Burial, Playlist Live di Salmo, il secondo album postumo di XXXTentacion e i nuovi singoli di Generic Animal (questa volta con Franco126), Willie Peyote e Algiers. Come sempre, qui sotto trovate le scelte della redazione di Rolling Stone.

The Who – Who

Registrato tra Londra e Los Angeles, facendo in modo che Roger Daltrey e Peter Townshend non si incontrassero mai, il secondo album in studio in 37 anni degli Who è l’uscita rock della settimana. Nonostante le difficoltà personali, sia il chitarrista che il cantante sembrano entusiasti delle nuove canzoni degli Who. “Questo album contiene canzoni scritte l’anno scorso: non c’è un tema, nessun concetto, nessuna storia, solo le canzoni”, ha detto Pete Townshend. “Ho cercato di stare alla larga dal romanticismo e dalla nostalgia, per quanto possibile”. Sarà abbastanza per farci dimenticare tutta la musica che non hanno scritto negli ultimi 30 anni?

XXX Tentacion – Bad Vibes Forever

A un anno di distanza da Skins, uscito a 6 mesi dalla sua morte, avvenuta nel giugno 2018 dopo una sparatoria, Bad Vibes Forever è il secondo album postumo di XXXTentacion e (probabilmente) il finale definitivo della sua discografia. “Jahseh aveva conservato alcuni di questi brani, come School Shooter o Hearteater, in attesa che la sua carriera diventasse più solida, così che venissero recepite meglio”, ha detto il manager Solomon Sobande. “Altri, invece, sono stati finiti con l’aiuto di altri artisti”. Bad Vibes Forever, infatti, trabocca di collaboratori – Lil Wayne, Rick Ross, Noah Cyrus, Joey Bada$$ e persino i Blink-182 –, tutti disponibili per finire il lavoro iniziato da uno dei talenti più luminosi della scena rap degli ultimi anni.

Yann Tiersen – Portrait

“Per mantenere la musica nel mondo reale bisogna evitare di tradurre il suono in 1 e 0”, ha detto Yann Tiersen di Portrait, il suo nuovo album in uscita per Mute Records. Si tratta di 25 canzoni – di cui tre inediti – selezionate dalla discografia del compositore francese e interamente risuonate con colleghi come John Grant, Stephen O’Malley dei Sunn O))) e i Blonde Redhead. Le registrazioni sono state fatte al The Eskal, il nuovo studio costruito da Tiersen sull’isola di Ushant, interamente in analogico, evitando ogni tipo di sovraincisione. “Limitare la nostra abilità di manipolare digitalmente e fare cambiamenti ha donato al processo energia e una tensione meravigliosa”, ha detto Tiersen, “elementi che pensavo fossero andati persi per via delle infinite possibilità che offre la registrazione digitale”.

Camila Cabello – Romance

Camila Cabello è entrata in studio per registrare Romance, il suo secondo album, con un obiettivo ben preciso: Probabilmente influenzata dal tour con Taylor Swift, l’ex Fifth Harmony era determinata a incidere canzoni che suonassero bene dal vivo. “Mi sono ispirata al sound degli anni ’80”, ha detto. “Mi piacciono quelle atmosfere drammatiche – come i Queen, che facevano solo musica davvero intensa. Volevo che le mie canzoni fossero incredibili da suonare”. Nel frattempo, Cabello si è innamorata del collega e amico Shawn Mendes, a cui ha dedicato i singoli Shameless e Cry for Me.

Burial – Tunes 2011-2019

Per festeggiare i 15 anni dell’etichetta Hyperdub, Burial pubblica Tunes 2011-2019, una raccolta che contiene tutti i singoli usciti nell’ultimo decennio. Un’antologia ricchissima – più di due ore di musica – che ripercorre tutta la carriera del produttore britannico: dai lunghi collage musicali alle composizioni trip hop, fino ai brani più pop.

Algiers – Void

Dopo Can The Sub_Bass Speak – una sorta di risposta musicale a tutte le critiche ricevute dalla band – e Dispossession, gli Algiers pubblicano un altro singolo estratto dal terzo album There Is No Year, in uscita il 17 gennaio del prossimo anno. Void, ultimo brano del disco, mostra il lato più spiccatamente garage del gruppo, che qui tira fuori il meglio dalla new entry Matt Tong, l’ex batterista dei Bloc Party.

Le altre uscite:

Internazionali

Courtney Barnett – MTV Unplugged
Caribou – You and I
Idles – A Beautiful Thing: Idles Live at Le Bataclan
Deep Purple – Live in Rome 2013
Avey Tare – Conference of Birds / Birds in Disguise
The Staves – Nothing’s Gonna Happen (demo) (singolo)
Harry Styles – Adore You (singolo)
Halsey – Finally (singolo)
Taylor Swift – Christmas Tree Farm (singolo)

Italiane

Salmo – Playlist Live
Motta – Motta dal vivo
C+C=Maxigross – Deserto
Inude – Clara Tesla
Vasco Rossi – Vasco Nonstop Live
Checco Zalone – Immigrato (singolo)
Tropico – Doppler (singolo)
Fulminacci – San Giovanni (singolo)
Generic Animal – Presto (feat. Franco126) (singolo)
Massimo Volume – Stanze