New Music Friday, le scelte di Rolling – 23 aprile 2021 | Rolling Stone Italia
Home Musica

New Music Friday, le scelte di Rolling – 23 aprile 2021

'Zero' di Mahmood, il ritorno dei Sottotono, il «canto liberatorio intimo e pubblico» di Vasco Brondi, Dave Grohl che rifà gli X con la figlia: le uscite da non perdere secondo la redazione di Rolling Stone

Mahmood

Foto stampa

“Zero” Mahmood

“Per me sei tutto anche se in questo mondo siamo zero”. Ecco la canzone simbolo della serie Netflix sul ragazzo della periferia milanese col superpotere di diventare invisibile. È scritta con Davide Petrella e Dardust, e prodotta da quest’ultimo.

“Multisala” Franco126

Dai “saddoni”, come chiama lui i pezzi tristi e scarni, a un sound più vivido e mosso. Si intitola Multisala perché racconta storie, come al cinema. L’ambizione: essere contemporaneo e senza tempo. Qui la nostra digital cover.

“Ci abbracciamo” Vasco Brondi

È il secondo estratto dall’album Paesaggio dopo la battaglia che uscirà il 7 maggio. «È il polo opposto del disco rispetto a Chitarra nera, in mezzo c’è tutto il resto. È un canto liberatorio intimo e pubblico, ritmico e lirico. Un richiamo per esseri umani».

“Mastroianni” Sottotono

Big Fish e Tormento sono tornati. «In Mastroianni ci sono le due anime dei Sottotono: quella del gusto classico e quella di chi sa giocare a modo suo. Anime per cui siamo stati amati e odiati. È il nostro manifesto da veri originator. Ed è, in realtà, solo l’inizio».

“Fantasmi” TY1 feat. Geolier & Marracash

Se non lo conoscete, segnate il nome perché se ne riparlerà. Questo è il primo estratto dall’album Djungle dove il producer ospita 24 artisti fra cui Gué Pequeno, Neffa, Rkomi, Ernia, Noys Narcos, Capo Plaza, Massimo Pericolo, Myss Keta, Speranza, Ketama126, VillaBanks, Jake La Furia. Un mezzo who’s who del rap italiano.

“Come va” Margherita Vicario

«È una canzone intima, personale, un vero e proprio bilancio di un anno di totali cambiamenti per il mondo, forse per questo la considero una vera e propria figlia di questo periodo che stiamo vivendo. È un brano che ancora una volta ruota intorno agli affetti, e ancora una volta alle relazioni femminili».

“Sì può darsi” Frah Quintale

Il primo singolo da Banzai (Lato arancio) che uscirà il 4 giugno. «È una gita mentale in un’estate italiana, è l’Autostrada del sole che diventa la Route 66, è il primo giorno di vacanze dopo un anno da dimenticare».

“Cosa ci direbbe” Fast Animals and Slow Kids feat. Willie Peyote

I due per la prima volta assieme. «Sentivamo che al pezzo serviva un’altra voce, qualcuno che spiegasse il senso del pezzo», dicono loro. «Abbiamo due scritture diverse ma che si sposano bene, l’unione delle due cose secondo me rende il quadro più completo», spiega lui. Li abbiamo fatti dialogare qui.

“Dubai” Rondodasosa

«Ho la terza media, non mi importa vecchia o nuova scuola». L’immaginario dei ricchi & cafoni portato a Dubai, con echi mediorientaleggianti: «Non sono un rapper, sono un money maker». Produce Nko.

“Morsi” Ditonellapiaga

È il primo EP della cantante di cui vi abbiamo scritto qui, con un pezzo remixato da Populous.

“La bella estate” Tricarico

È il primo singolo tratto dall’album che uscirà in maggio, a sei anni dal precedente. «L’estate, la giovinezza, la spensieratezza, i sogni, gli amori, il passaggio dalla giovinezza a qualcos’altro ancora sconosciuto. E la saggezza di una nonna».

“Meriterete” Bachi da Pietra

«Ripetete con noi: come va? Molto bene! Già». No, non andrà tutto bene. E noi ci meritiamo “la svolta autoritaria di un gran figo friendly con dei gran slogan catchy”.

“Routine” Hot Kowski

«La routine attrae con la promessa di portarci avanti e rischia invece di tenerci intrappolati in una visione artificiosa, di alienarci da quello che realmente volevamo e forse ancora vorremmo fare. È un piacevole sfogo, un po’ come la voglia di cantare in macchina durante un viaggio di dieci ore».

“Musica leggerissima (Cerrone Remix)” Colapesce e Dimartino

Il pezzo già anni ’70 del 2021 remixato da uno che la musica degli anni ’70 l’ha fatta, eccome. «Appena ho ascoltato il brano, ho detto subito di sì», ha detto Cerrone. «Fa eco alle mie origini italiane (i miei genitori erano di Roma) e spero che questa collaborazione sia solo l’inizio di una storia più grande con loro».

“Nausea” Violet & Dave Grohl

Papà e figlia rock alle prese con una cover di un pezzo degli X che vuole essere «un tributo alla gente e alla musica che mi ha spinto a diventare un musicista, ma anche alla mia storia famigliare».

“Gold City” Iceage

Il primo minuto è la cosa più vicina a Springsteen che potrete ascoltare fra le uscite di oggi. «I semafori e il sole al tramonto attraverso un filtro inquinato, scintillante e dorato», dicono loro. L’album Seek Shelter uscirà fra due settimane.

“Gone” Jorja Smith

Lei è la predestinata dell’r&b inglese. «Nel pezzo chiedo semplicemente perché la gente debba essere strappata via da noi, ma mi piace che questa canzone, come qualsiasi altra, possa essere interpretata in modi diversi, a seconda delle esperienze di ciascuno». Be Right Back uscirà il 14 maggio.

“The Darkness That You Fear” The Chemical Brothers

Sono tornati con questo pezzo che definiscono «uieno di speranza». “L’oscurità che temi si dissolverà”, dice il testo.

“Do Not Disturb” Ryan Adams

È il primo estratto da Big Colors, l’album che Ryan Adams aveva annunciato e che è stato rimandato a seguito dello scandalo scoppiato due anni fa di cui abbiamo scritto qui.

“Diamond Studded Shoes” Yola

Il 30 luglio uscirà l’album Stand for Myself. Intanto c’è questo pezzo di protesta: «Volevo evocare l’effetto di un gruppo di persone che marciano per strada vittoriosamente».

“Thinking of You” Macy Gray and The California Jet Club

Nuovo singolo, nuovo progetto per la grande speranza del soul anni 2000 che si è un po’ persa per strada.

“Rhetorical Figure” John Grant

«È una canzone sul mio amore per il linguaggio e le figure retoriche, e su quanto sia eccitante quando qualcuno usa il linguaggio in maniera capace». L’album Boy from Michigan uscirà il 25 giugno.

“Sweep It Into Space” Dinosaur Jr.

I Dinosaur Jr. esattamente come li immaginate. J Mascis ce ne ha parlato qui. «Abbiamo composto i pezzi prima del lockdown e infatti è un disco piuttosto solare. Fosse stato concepito ora, sarebbe stato molto più cupo».

“Introvert” Little Simz

Un antipasto dell’album Sometimes I Might Be Introvert che uscirà il 3 settembre. Il video è stato girato al Natural History Museum di Londra.

“Black Gold” Flying Lotus feat. Thundercat

Sono due i pezzi pubblicati oggi da Flying Lotus, uno con Thundercat, l’altro con Niki Randa (Between Memories). Sono tratti dalla colonna sonora dell’anime Netflix Yasuke.

“Save Your Tears Remix” The Weeknd & Ariana Grande

Accompagnato da un video animato, il remix è la terza collaborazione fra i due dopo Off the Table e Love Me Harder. L’originale era su After Hours.

“To Never Forget the Source” Sons of Kemet

È il secondo estratto dall’album Black to the Future che uscirà il 14 maggio. La spiegazione di Shabaka Hutchings: «Si riferisce ai principi che governano le cosmologie/ontologie tradizionali africane e simboleggia il viaggio interiore».

“I Need Some of That” Weezer

Un estratto da Van Weezer risalente al tempo in cui la band collaborava con Ric Ocasek dei Cars, scomparso nel 2019, che difatti appare ai cori. Una versione in lingua giapponese è apparsa nel secondo album del duo Scott & Rivers. L’attacco di batteria ricrea quello di Metal Health (Bang Your Head) dei Quiet Riot.

“In the Ditch” Helmet

Gli Helmet interpretano i Gang of Four. Il pezzo verrà incluso nel tributo collettivo The Problem of Leisure: A Celebration of Andy Gill And Gang of Four dove appaiono anche Flea, John Frusciante, Idles, Warpaint, Tom Morello e altri.

“Surrounded by Time” Tom Jones

No, non è Sex Bomb. Affiancato dai produttori Ethan Johns (figlio di Glyn Johns, quello per intenderci che stava in studio con gli Stones) e Mark Woodward, a 80 anni Tom Jones interpreta pezzi di Cat Stevens, Todd Snider (a proposito, oggi è uscito il suo First Agnostic Church of Hope and Wonder), Michael Kiwanuka, Bob Dylan e altri con un sound scarnificato e inusuale per lui.

“L’appartement (en duo avec Iggy Pop)” Clio

Iggy Pop continua a flirtare con la musica francese. Qui duetta con voce profonda degna di Leonard Cohen con Clio Tourneux. La cantante francese pubblica oggi l’album L’amour hélas.

“Revelations” Sufjan Stevens

È il terzo dei cinque album strumentali di Stevens dedicati al padre. Il progetto si chiama Convocations e sarà completato il 7 maggio quando uscirà su 5 LP.

“Louder Than Noise… Live in Berlin” Motörhead

Un live d’archivio registrato in Germania il 5 dicembre 2012 di fronte a 12 mila spettatori. Era il tour di The Kings of the Road. Anche in DVD.

“Landscape Tantrums” The Mars Volta

Non è l’album nuovo dei Mars Volta, ma la registrazione grezza e originale del disco del 2003 De-Loused in the Comatorium. È disponibile in digitale, ma è contenuto che nel super box set La Realidad De Los Sueños.