MTV non festeggia degnamente i 40 anni? Ci pensa Internet | Rolling Stone Italia
Home Musica

MTV non festeggia degnamente i 40 anni? Ci pensa Internet

Il 1° agosto 1981 s’inaugurava il canale tv musicale più importante di sempre. Era una potenza, oggi è modernariato a cui si accede grazie agli archivi online di trasmissioni vintage creati dai fan

Foto: Diego Gonzalez/Unsplash (TV)/Logo MTV

Per il decennale di MTV, nel 1991, il network mise in piedi un grande special con George Michael, Aerosmith, R.E.M., Madonna, Michael Jackson, Tom Cruise. «È stato un gran decennio per MTV», disse l’attore. «Da una piccola idea è nato un fenomeno globale. Ora MTV trasmette in 72 Paesi in sei continenti. La sua influenza è ovunque, dal cinema alla tv alla pubblicità».

Per il ventennale il network fece le cose persino più in grande organizzando un concertone all’Hammerstein Ballroom di New York con Mariah Carey, Jane’s Addiction, TLC, Busta Rhymes, Mary J. Blige, Blink-182, Method Man, Run-DMC, Billy Idol, Sum 41, Sean Combs, Kid Rock, Ja Rule e cinque vj. Nelle settimane precedenti la pubblicità fu incessante, accompagnata da mini documentari sulla storia del network.

Per il quarantesimo anniversario MTV America trasmetterà oggi 47 episodi di Ridiculousness. Non è una battuta. «La gente oggigiorno chiede: che diavolo è successo a MTV? Possiamo riaverla com’era?», ha detto di recente il vj Alan Hunter al New York Post. «Al che rispondo: perché? Che te ne fai quando hai YouTube e Internet? Oggi puoi guardare qualunque video. Non hai più bisogno che MTV ti dica che cosa guardare».

YouTube non era che un sogno quando MTV inaugurò le trasmissioni a mezzanotte e un minuto del 1° agosto 1981. È noto che il primo video trasmesso fu Video Killed the Radio Star dei Buggles e quelle prime storiche ore sono state ritrasmesse più volte. Ma il resto della programmazione di quei primi anni non è stata più accessibile finché alcuni utenti agguerriti hanno caricato le loro collezioni di registrazioni in videocassetta su YouTube e Internet Archive. Innumerevoli ore di programmazione sono ora disponibili gratuitamente.

Per dare un’idea del materiale, guardate i primi 19 minuti del 29 agosto 1981. Sono passate poche settimane dal lancio del canale ed è tutto ancora in fase di rodaggio. La vj Nina Blackwood è sola nello studio newyorkese da cui lancia una performance live della Charlie Daniels Band e presenta video di Ramones, Pretenders, Pat Benatar, The Tube, Billy Squier. Sembra quasi un programma dell’accesso, ma se non altro è curioso vedere Blackwood che legge le news da una cartelletta («Il chitarrista dei Led Zeppelin Jimmy Page sta scrivendo la colonna sonora del film Death Wish 2») ed è evidente fin da allora l’enorme potenzialità del canale.

Non sarebbe male se MTV Classic mostrasse altri momenti come questo ma a quanto pare non hanno alcuna intenzione di sfruttare gli archivi e trasmettono piuttosto carrellate di video anni ’80 e ’90 senza alcun commento, né contestualizzazione. Gli ascolti sono talmente bassi che Nielsen neanche li raccoglie più. La buona notizia è che ci pensa Internet a portare a termine il lavoro. Speriamo che nessun avvocato si metta di mezzo, cercando di far cancellare gli archivi online.

MTV si rifiuta di celebrare la sua storia? Che almeno lo lasci fare agli altri.

Questo articolo è stato tradotto da Rolling Stone US.