Home Musica

Lo Stato Sociale vuol far fallire Radio 2

Lodo Guenzi interpreta Elettra Lamborghini in acustico, Carota improvvisa canzoni scritte dal pubblico e citazioni sportive improbabili in chiusura: siamo stati in Rai insieme ai ‘regaz’ per la prima puntata del loro programma radiofonico

Lo Stato Sociale. Da sinistra: Bebo, Checco, Albi, Lodo e Carota

Come si fa a far fallire Rai Radio 2? Una risposta precisa ancora non ce l’hanno, ma “i regaz” de Lo Stato Sociale hanno deciso di provarci invadendo gli studi radiofonici di Via Asiago 10 in Roma tutte le domeniche dalle 16 alle 17.30 proprio con questa missione. Oggi, in diretta, con la prima puntata de “Lo Stato Sociale Show” hanno iniziato a seminare il “fallimento” giocando, come gli viene più naturale. Si divertono e quindi divertono anche chi li ascolta e il pubblico presente in studio.

Sono Lo Stato Sociale in tutto il loro splendore, con una vincente conduzione orizzontale dove le cinque personalità si mischiano e spalleggiano in maniera convincente. Ogni puntata ha un tema: per rompere il ghiaccio – scherza Lodo – hanno scelto un tema su cui nessuno ha scritto mai canzoni: l’amore!

La ricetta è quella del varietà, gli ingredienti surreali sono molti: c’è l’esperto di scienze applicate che parla dei contraccettivi più assurdi e inefficaci usati nel corso della storia, c’è lo strampalato aggiornamento di improbabili notizie, la rubrica “Rock and roll da caminetto”, ci sono gli stacchetti, e c’è l’eroico Carota che, prendendo ispirazione dalle parole scritte dal pubblico presente in studio, compone sul momento l’instant song dal titolo Senti come brulica («con la dieresi sulla u» ci tiene a precisare).

Con ironia portano in radio anche la cosa che è quanto di più lontano ci possa essere dalla radiofonia: il mimo. Non mancano chiaramente la musica e gli ospiti, come Francesco De Carlo, anche lui in quota Radio Raidue e I Pinguini Tattici Nucleari che, tra le altre cose, omaggiano i padroni di casa interpretando, con la partecipazione di Checco e Carota, La Musica non è una cosa seria.

Sempre a proposito di musica, Lodo Guenzi e Riccardo hanno interpretato Mi fido di Te di Jovanotti e Lodo si è spinto anche oltre, con una versione acustica priva di twerk di Pem Pem di Elettra Lamborghini.

Le due band a confronto chiacchierano e si raccontano e così scopriamo anche che Riccardo, dei Pinguini Tattici Nucleari, quando va a fare la spesa, compra i broccoli, anche se non li mangia, solo per fare bella figura con le signore anziane perché lui – dice – è «broc and roll».

Alla fine della diretta i cinque ragazzi bolognesi sono contenti, si abbracciano e scherzano ancora col pubblico dello studio di Via Asiago. Gli chiediamo com’è andata la loro prima diretta radiofonica e citano l’ex calciatore, oggi dirigente sportivo, Christian Abbiati: «nel primo tempo non abbiamo giocato bene, ma nel secondo tempo abbiamo fatto un buon primo tempo, che poi è la più grande metafora della vita».

Hanno sempre la battuta pronta e a chi gli chiede come ci sono finiti in radio, prima rispondono con un sornione «ci hanno chiamati», ma poi spiegano che «le persone, tendenzialmente, fanno scelte comode. Poi ci sono gli artisti e gli scemi. Gli artisti e gli scemi fanno scelte scomode, i primi per vocazione, i secondi perché non sono abbastanza furbi. Noi siamo Lo Stato Sociale e siamo ufficialmente un collettivo di artisti scemi».

Nelle prossime puntate annunciano che avranno alcuni musicisti molto bravi e «altri così così. Sono tutti nostri amici e verranno a dei cachet esorbitanti, per far pagare tanto la Rai. Ci sarà un poeta e stiamo per noleggiare anche una nave rompicemento che sarà parcheggiata davanti a Via Asiago dove faremo le feste con le modelle, poi magari ci faremo dare un corpo di ballo. Prima faremo fallire Radio Rai 2 e poi, ad effetto domino, tutte le reti nazionali».

Ma se la formula per il fallimento della radio di Stato è ancora perfettibile, quella per il cazzeggio è invece ormai depositata: «Nella grande tensione tra arte e ingenuità, ci collochiamo in mezzo, come stupidi eroi alla ricerca del bello, senza precluderci nulla, senza metterci mai in disparte e senza rinunciare mai, nemmeno una volta, a dire quello che si pensa sul mondo e su di noi».

‪Lo Stato Sociale‪ Show è in onda tutte le domeniche su Rai Radio2. Puoi ascoltarlo anche su RaiPlayRadio.it/Radio2, sulla app RaiPlay Radio e con contenuti speciali e dirette sulle pagine facebook, instagram e twitter di @RaiRadio2.

Altre notizie su:  Lo Stato Sociale