Home Musica Live

“Wireless”, la tribalità elettronica dei JoyCut per Rolling Stone al SAE Institute

La band di Bologna arriva a Milano per concludere due anni trascorsi in tour a supporto di "PiecesOfUsWereLeftOnTheGround"

Suoneranno in esclusiva per Rolling Stone tre brani dall’album PiecesOfUsWereLeftOnTheGround (tutto attaccato!)al SAE Institute di Milano: la miglior scuola italiana per chi si vuole occupare di musica.

Il live è stato registrato a chiusura di due anni di tour a supporto dell’album del 2013, che ha visto la band suonare nei festival internazionali più importanti (dall’Iceland Airwaves ad Eurosonic, passano per Europavox e SXSW). L’esibizione live dei JoyCut si è piazzata nella top 5 del circuito ETEP (European Talent Exchange Program) di Eurosonic 2015.

La band sta ora lavorando al nuovo album, che uscirà entro fine del 2016 e che racconta di un “ritorno a casa” in stile JoyCut. Che non vuol dire certo inseguire l’innovazione musicale scegliendo di proporre musica elettronica ma cercare «di osare e di valicare i confini, pur rimanendo ancorati alla tradizione», come ci raccontavano in occasione del Medimex qualche mese fa.

Altre notizie su:  Joycut Joycut