Home Musica Live

Chitarre, abiti leopardati e formaggio vegano: il rock celebra gli Aerosmith

“Lo spirito del rock vive ancora, ma senza autodistruzione”, ha detto Russell Brand, presentatore dell’evento di MusiCares per la band di Steven Tyler. Sul palco anche Foo Fighters e John Legend

Foto: Getty Images for The Recording Academy

Tutti hanno indossato il loro abito migliore per l’evento di MusiCares di venerdì sera al Los Angeles Convention Center. Che si trattasse di un avvocato dell’industria discografica o del presentatore della serata Russell Brand, tutti avevano lacca extra nei capelli e le scarpe ben lucidate. E visto che l’organizzazione (da 30 anni parte della Recording Academy) aveva deciso di celebrare la musica e le imprese filantropiche degli Aerosmith, qualcuno ha aggiunto degli extra: stampe leopardate e decorazioni glitter.

Durante l’asta di beneficienza che ha preceduto il concerto, gli ospiti hanno acquistato una grande varietà di oggetti, tra cui chitarre autografate da Sammy Hagar, Dave Grohl, Lady Gaga, Melissa Etherdige e Shawn Mendes; fotografie di leggende come Jimmy Page, Janis Joplin, i Metallica e i Nirvana; opere d’arte a tema musicale; attrezzatura; pacchetti di viaggi di lusso; gioielli e la possibilità di passare un’ora nell’armadio di Steven Tyler (Ok, quest’ultima parte non è vera, ma lasciateci sognare).

Steve Boom di Amazon – questo è il suo primo anno a capo di MusiCares – ha ribadito la mission dell’organizzazione e introdotto gli ospiti della serata. Nel suo discorso ha parlato delle ombre nascoste dietro al glamour dell’industria, e ricordato a tutti che “quando i membri della comunità musicale hanno bisogno di aiuto, MusiCares risponderà… grazie a voi potremo offrire programmi di tutti i tipi, dall’assistenza finanziaria a quella medica, fino alla riabilitazione da dipendenze e alla terapia in momenti di crisi”. Subito dopo ha presentato i Cheap Trick, dicendo: “come celebrare una band leggendaria se non chiamando sul palco un’altra band leggendaria?”.

“Il mondo della musica sta cambiando. Il mondo in generale sta cambiando”, ha detto Brand nel suo discorso. “Nel backstage ho trovato succhi di frutta e formaggio vegano!”. Il presentatore ha specificato che i funghi nei camerini erano veri, non quelli magici, poi ha detto di aver sentito “suoni animaleschi” poco prima di andare in scena. “Ho pensato: Sì, lo spirito del rock vive ancora… in realtà facevano pilates”. Ha continuato dicendo che è sul palco che il rock prende davvero vita. “Questi gruppi vi faranno andare fuori di testa, vi faranno sciogliere le ginocchia. Lo spirito dionisiaco del rock sarà scatenato! Ma senza l’autodistruzione. Ora è tutta una questione d’amore”.

Brand ha anche detto che quella di venerdì era una serata particolarmente speciale soprattutto per chi è riuscito a passare 17 anni lontano da alcool e droghe. “Conoscete l’industria discografica, sapete quant’è difficile. E chiunque non stia applaudendo ha qualche problema. Non sentitevi ipocriti perché siete da MusiCares. Godetevela! Sappiate che questa sarà la vostra rete di sicurezza quando, inevitabilmente, vi lascerete andare”.

Foto: Getty Images

Finite le presentazioni, i Jonas Brothers hanno deliziato gli ospiti con Crazy, la ballad degli Aerosmith del 1993. Ashley McBride è apparsa concentrata e in pieno controllo durante Dude Looks Like a Lady. Gavin DeGraw ha conquistato la sala saltando e battendo il cinque a tutti, poi ha cantato What It Takes. Ha anche trovato il tavolo di Tyler, che ha fatto la sua parte con i classici acuti del suo repertorio. Kesha, accompagnata da una sezione d’archi, ha cantato Janie’s Got a Gun – che dà il nome all’organizzazione di beneficienza di Tyler, Janie’s Fund. Yola e Glary Clark hanno scatenato una standing ovation, dimostrando talento e un gran gusto.

Altrove, John Legend faceva John Legend cantando al piano la mega-hit I Don’t Wanna Miss a Thing. Jessie J, dopo aver detto che non era facile suonare dopo Legend, ha dominato Walk This Way alla chitarra, aiutata da Melissa Etheridge e Nuno Bettencourt. A proposito di sei corde, Sammy Hagar e Orianthi sono stati elettrizzanti – Hagar era forse l’unica persona della sala a poter cantare l’inizio di Back in the Saddle: “I’M BAAAACK”.

I Foo Fighters sono stati gli unici a suonare due canzoni, aggiungendo un po’ di punk a Let the Music Do the Talking e Toys in the Attic. La performance era piuttosto rumorosa, e Dave Grohl ha detto ridendo: “Non so come faccia Steven Tyler a fare quei cazzo di urli per più di due canzoni”.

Tammy Hurt e Christine Albert della Recording Academy hanno parlato al posto della CEO Deborah Dugan, impegnata in una causa legale contro l’Academy – l’elefante nella stanza era più appariscente dei vestiti di Tyler. Detto questo, le sostitute non hanno parlato della controversia. L’industria vede le organizzazioni benefiche con un occhio diverso, oggi, e fa bene. In fondo, quella di venerdì era una serata dedicata alla musica.

Hurt e Albert hanno invitato sul palco Dina LaPolt, amica e avvocato di Tyler, e l’hanno ringraziata per aver fondato “l’unico studio di quelle dimensioni a essere gestito da una singola donna”. LaPolt ha presentato gli ospiti d’onore, che hanno ricevuto il premio commemorativo. Il batterista Joe Kramer, che ha denunciato la band per esibirsi da MusiCares e poi sul palco dei Grammy, si è presentato abbracciato con Tyler. “A volte si diventa interessanti solo dopo aver fatto un po’ di rumore”, ha detto. Era un riferimento allo spirito del rock di cui parlavano tutti, o alla polemica col gruppo? Non importa. Alla fine, il batterista ha espresso la sua gratitudine per MusiCares e per la moglie “sempre presente”.

Per quanto riguarda il grande evento della serata, gli Aerosmith hanno riportato tutti nel 1975 con Big Ten Inch Record, poi da frontman virtuoso Tyler si è trasformato in pianista e ha suonato Dream On. A questo punto sul palco è salita H.E.R., che ha messo in mostra le sue abilità di chitarrista e prestato la voce per una strofa e un ritornello. Sweet Emotion è stata beh, molto dolce. E Train Kept A-Rolling uno spasso. Tutti sul palco sembravano divertirsi molto, Alice Cooper e Johnny Depp inclusi.

Merito anche del discorso di LaPolt, che ha ispirato e caricato un pubblico che beveva, mangiava e ascoltava musica da più di cinque ore. Con le sue parole ha ricordato a tutti perché erano lì. “I ragazzi degli Aerosmith sono unici”, ha detto. “Lavorano con precisione e sono sempre presenti per le persone a cui vogliono bene. La cosa che mi ispira di più è che per loro la famiglia è sempre una priorità. Hanno tutti mogli, figli, nipoti, amici vecchi e nuovi. Ed ex mogli! E sono sempre tutti insieme. Non mancano mai!”

“Questo è un gruppo di persone capace di guidare sei ore per vedere una persona che amano, anche solo cinque minuti”, ha aggiunto. “Trovano sempre il tempo per feste di compleanno, cene di famiglia, diplomi, celebrazioni e funerali. Mettono al primo posto le persone a cui vogliono bene, e hanno fatto lo stesso con me”.

“Come molte delle persone in questa sala sapranno, ho dedicato gran parte della mia vita professionale a combattere per i diritti di chi crea musica, così che possano avere controllo delle loro opere e ricevere un giusto compenso”, ha concluso LaPolt. “Negli ultimi anni, gli Aerosmith hanno sempre prestato il loro nome a questa battaglia. Sono instancabili; la loro energia non ha paragoni, e fanno sempre la cosa giusta: quando hai bisogno di loro, non mancano mai”.

Leggi anche