La playlist trasformativa di Memento | Rolling Stone Italia
Home Musica

La playlist trasformativa di Memento

Il cantautore è appena tornato con ‘Oceano’ e ‘Vipera’, due canzoni che parlano di solitudine e cambiamento. Ce le racconta con una selezione di canzoni a tema, da Frank Ocean ai Cani

Memento

Foto: Silvia Violante Rouge

Memento è un giovane cantautore che scrive canzoni delicate e introspettive, uno dei musicisti più interessanti della nuova scena milanese. Dopo l’EP d’esordio Memento non ha paura del buio, in collaborazione con Rodrigo D’Erasmo, l’8 luglio è tornato con due singoli, Oceano e Vipera. Sono due canzoni gemelle che parlano di solitudine, cambiamenti e «legami complessi da cui è difficile allontanarsi». Lui le presenta così: «Oceano e Vipera sono due strade che si dividono e si rincontrano. Oceano è paura di stare soli, di dormire in un letto vuoto. Vipera è un serpente che fa la muta, e io rimango attaccato alla sua pelle. La musica da soli può essere uno sfogo, la musica insieme può essere un tesoro. Questi brani ne sono la dimostrazione».

Visto il tema di Vipera, abbiamo chiesto a Memento di raccontarci l’universo musicale dei suoi nuovi pezzi in una playlist a tema cambiamento. È una selezione particolare, 10 canzoni che vanno dall’itpop dei Cani al nuovo jazz di Thundercat, passando per il rap di Tyler, The Creator e anche per Fabio Concato.

“Il posto più freddo” I Cani

«”Scusami per ieri sera, come ti abbracciavo
 / Sì lo so, non è più il caso”. Questa canzone mi ha accompagnato in un periodo sentimentalmente transitorio della mia vita, quel periodo in cui mi sono dovuto allontanare da ciò che apparentemente mi faceva bene, ma a volte ci si può anche guardare da lontano».

“Biking” Frank Ocean feat. Jay-Z & Tyler, The Creator

«
Le chitarre di questo brano mi hanno sempre ricordato delle biciclette. Mi sono mosso, e tutt’ora mi muovo spesso in bicicletta, questa canzone è stata la colonna sonora delle mie pedalate più lunghe. Alcune volte bisogna imparare a muoversi anche stando fermi».

“Them Changes” Thundercat

«“It must’ve fell when I lost my mind
 / Deep in the cut, drowning in a pain”
. Do spesso la colpa a me stesso quando mi si rompe il cuore o prendo un colpo forte. Questo brano mi ha aiutato a suturare».

“Godspeed” Frank Ocean

«“I will always love you how I do”.
 L’amore è per sempre, le relazioni finiscono, le persone cambiano. 
Ci vuole del tempo per sviluppare consapevolezza, e questo pezzo mi ha sempre ricordato di impegnarmi a farlo».

“Gone, Gone / Thank You” Tyler, The Creator

«“Whether it’s rain or shine, I know I’m fine for now”
. In quest’ultimo periodo sto imparando a vivere più intensamente il presente, non preoccupandomi di quello che sarà. A volte per stare bene bisogno saper andare via e ringraziare. Questo brano è un bacio sulla guancia, nonché il mio preferito all’interno di Igor».

“Fiore di maggio” Fabio Concato

«“Su quello scoglio in maggio è nato un fiore”
. Mia mamma mi cantava questa canzone sempre prima di andare a letto, e adesso io la canto a tutti i fiori di maggio che incontro, i ricordi che mi smuove sono legati però a un fiore in particolare. Spero di riuscire sempre a dare acqua ai miei fiori».

“Fantazia” Roy Blair

«Fantazia è il mood di quest’ultimo periodo, il mio corpo vuole sempre muoversi ogni volta che mi entra nelle orecchie, sto imparando a vivere al meglio tutto ciò che di buono la vita mi dà, e questo aiuta».

“Seahorse” Horsey feat. King Krule

«Seahorse è il mood di qualche tempo fa. Nel bel mezzo di un tornado di sentimenti mi ritrovai ad ascoltare questa canzone e mi sembrò come se il vento si fosse fermato. La sento suonare nelle viscere e mi calmo».

“Rainbow (Make It Double Oklou Mix)” Bladee & Mechatok

«Non sono capace di dire quante volte io abbia ascoltato questo pezzo, mi ricorda che sono felice. Lo ricollegherò sempre a un momento bellissimo della mia vita, che ora è presente».

“Somehow” Phony Ppl

«“Living by myself / 
Paranoid as hell
 / There’s nothing I can do”. 
Questo brano è un momento di primavera durante l’inverno. L’ho scoperto un bel po’ di tempo fa, ma mi è venuto utile ultimamente».

Altre notizie su:  Memento