Home Musica

La canzone da ascoltare oggi è ‘Captain’ di Nicole Atkins

Nel video, la cantautrice americana appare in una trasmissione televisiva anni ’70, con immagini sgranate e disturbi tipici delle tv dell’epoca. Il nuovo album ‘Italian Ice’ uscirà il 17 aprile

“Per una volta posso essere io il tuo capitano”, canta Nicole Atkins. La nuova canzone della cantautrice originaria del New Jersey s’intitola Captain e ribalta la narrazione dell’ultimo album Goodnight Rhonda Lee. Se la protagonista di quel disco era una donna nei guai, che cercava di dire addio alla sua alter ego alcolista, in Captain la cantante si offre di dare aiuto al suo uomo che sta annegare nello Shark River.

Il riferimento al fiume non è casuale. Lo Shark River scorre a Neptune City, la città del New Jersey non lontano da Asbury Park dov’è nata la rocker, che ora risiede a Nashville. E parte del nuovo album di Atkins, che s’intitola Italian Ice e uscirà il 17 aprile, è incentrato proprio sul Jersey Shore, i suoi luoghi, il suo fascino.

La voce maschile di Captain è quella di Britt Daniel degli Spoon. “È venuto in studio, abbiamo scritto le parti e ha cantato dal vivo”, spiega Nicole Atkins, che ha scritto la canzone con Carl Broemel dei My Morning Jacket. Il pezzo è accompagnato da un videoclip in cui Atkins appare in una trasmissione televisiva anni ’70, con tanto di immagini sgranate e disturbi tipici delle tv dell’epoca, oltre a un numero di telefono in sovrimpressione da chiamare in caso di bisogno.

Italian Ice è il quinto album di Nicole Atkins. È stato registrato al leggendario Muscle Shoals Sound Studio, in Alabama, con una band che comprende i veterani David Hood e Spooner Oldham, oltre a Binky Griptite dei Dap-Kings, Jim Sclavunos e Dave Sherman dei Bad Seeds di Nick Cave. “Metterli assieme non ha molto senso dal punto di vista musicale”, spiega Atkins. “Ma sono una fan di tutti loro e abbiamo messo in piedi la più strana e folle band di sempre, una vera festa di disadattati”.

Nicole Atkins ha debuttato nel 2007 con Neptune City. Influenzata da Mama Cass e Roy Orbison, ha sviluppato uno stile canoro rétro che ha anticipato di alcuni anni quel che ha fatto Lana Del Rey. Ha ricevuto l’endorsement di Bruce Springsteen ed è stata in tour con Nick Cave e, in Italia, ha aperto i concerto di Eels e Mercury Rev.

“Italian Ice” tracklist

1. “AM Gold”
2. “Mind Eraser”
3. “Domino”
4. “Forever”
5. “Captain”
6. “Never Going Home Again St. Dymphna”
7. “Far From Home”
8. “A Road to Nowhere These Old Roses”
9. “In the Splinters”

Leggi anche