Kanye West, tutto quello che sappiamo su ‘Donda’ | Rolling Stone Italia
Home Musica

Kanye West, tutto quello che sappiamo su ‘Donda’

Dai riferimenti al divorzio con Kim Kardashian alla nuova collaborazione con Jay-Z, ecco cosa possiamo aspettarci dal decimo album in studio di Ye

Kanye West durante l'evento di Atlanta del 23 luglio

Foto: Kevin Mazur/Getty Images for Universal Music Group

Quando Kanye West ha annunciato l’uscita il 23 luglio del suo atteso decimo album in studio Donda i fan non l’hanno preso granché sul serio. Si sa che Kanye ha la tendenza a rimandare i suoi progetti all’infinito, così l’idea di ascoltare presto nuova musica sembrava improbabile. Tuttavia, giovedì scorso al Mercedes Benz Stadium di Atlanta, Kanye ha presentato il suo nuovo disco, con tanto di feat con Lil Baby, Pusha T, Don Toliver e altri. Solo, a causa di cambiamenti dell’ultimo minuti, venerdì scorso il disco non è uscito.

Nel corso del weekend, in molti hanno suggerito che Ye si sia accampato allo stadio per finire il disco. Il rapper, con lo stesso vestito rosso indossato giovedì sera, è stato avvistato sabato durante una partita. Successivamente, un rappresentante del Mercedes Benz Stadium ha confermato a Rolling Stone US che Kanye sarebbe rimasto sul posto fino alla chiusura del disco. Ecco tutto quello che sappiamo fino a ora.

La data d’uscita

Prima dell’evento di Atlanta, Kanye ha condiviso un video promozionale su Instagram – con l’atleta Sha’Carri Richardson – e un nuovo singolo, No Child Left Behind. Sembrava che Donda sarebbe uscito il 23 luglio, subito dopo l’evento, ma ora la data è stata sposata al 6 agosto.

I featuring

Considerando quello che si è ascoltato durante l’evento, Donda sarà ricco di collaboratori: Lil Baby, Playboi Carti, Baby Keem, Don Toliver, Pusha T, Jay-Z, Travis Scott, Roddy Ricch, Lil Durk e altri.

I temi

L’album include diversi riferimenti al divorzio con Kim Kardashian, moglie di Kanye per sette anni e madre dei suoi quattro figli. In una canzone, a quanto pare intitolata Welcome to My Life, il rapper dice: “Dite agli assassini che sono scappato da Calasabas”. Nel resto dell’album ci sono versi più emotivi – “Sto perdendo la mia famiglia” – e un brano in cui appare la figlia North, registrata mentre chiede al padre di restare a casa. Alcuni fan sono conviti che il disco sia una risposta diretta al divorzio, ma Donda sembra piuttosto dominato dai temi religiosi di Jesus Is King. Il ritornello del singolo No Child Left Behind parla di miracoli e durante l’evento Kanye si è messo a pregare.

Le collaborazioni con i brand

Molti fan hanno notato che il materiale promozionale del disco include Nike, azienda con cui Kanye aveva chiuso ogni rapporto dopo il trasferimento del brand Yeezy presso Adidas. Sha’Carri Richardson è un’atleta Nike e in un altro post su Instagram Kanye indossa dei calzini del marchio. Un’altra potenziale collaborazione è con Apple, che ha curato lo streaming dell’evento ad Atlanta e gestisce Beats, il partner dei video promozionali di Kanye.

Un altro ‘Watch the Throne’

In uno dei momenti più discussi dell’evento, Ye ha presentato la sua nuova collaborazione con Jay-Z. L’ha fatto con un verso in cui si parla delle idee politiche di Kanye e si suggerisce l’arrivo del seguito del disco Watch the Throne. Quel momento ci permette anche di capire meglio il metodo di registrazione di Donda: Jay-Z, infatti, avrebbe inciso la sua strofa il giorno stesso dell’evento, nello stesso stadio dove Kanye starebbe ultimando il disco.

Questo articolo è stato tradotto da Rolling Stone US.

Altre notizie su:  Jay-Z Kanye West