Home Musica Interviste Musica

St. Vincent, Dua Lipa e le donne nel mondo della musica

«È importante avere più donne in posizione di potere per dare una possibilità a chi non ne ha avute», dice Annie Clark. Impegnandosi a fare il possibile per circondarsi di donne

Un momento caldo dell'esibizione di St. Vincent e Dua Lipa.

Un momento caldo dell'esibizione di St. Vincent e Dua Lipa.

Foto: Emma McIntyre/Getty Images for The Recording Academy

Quando Dua Lipa ha ritirato il trofeo come Best New Artist ai Grammy di domenica sera, ha aggiunto un commento non proprio velato sulle affermazioni di Neil Portnow, presidente uscente della Recording Academy, quando ha detto che è un onore essere nominata tra un certo numero di donne. “Credo che quest’anno ci siamo fatte avanti davvero”, ha detto. L’anno scorso, Portnow aveva detto che le donne avevano bisogno di “farsi avanti” per far parte dell’industria. Dopo quella frase di Dua Lipa sono partiti subito i violini e il suo discorso è finito improvvisamente.

«Penso che sia stato fantastico che lo abbia detto», dice Annie Clark aka St. Vincent, che aveva già eseguito un mash-up di successi con Lipa durante lo show. «Alle persone che vivono ai margini della società da tempo viene detto che se lavorassero un po’ di più potrebbero conquistarsi degli spazi. E sono felice che abbia fatto riferimento all’ignoranza e all’arroganza di quella dichiarazione particolare. È assolutamente idiota».

Da parte sua, Clark ha lavorato per anni per livellare le differenze tra donne e uomini dietro le quinte dell’industria musicale. E vorrebbe vedere il resto del mondo della musica fare lo stesso. «Sono in una posizione in cui posso assumere persone», dice. «Tutto il lavoro che ho fatto per questo album, negli ultimi due anni, è stato concentrato sulle donne. Dai registi dello spettacolo alle persone che assumo durante il tour, sento di essere molto fortunata a poter assumere delle donne, perché sono una donna. E non sono minacciata da altre donne potenti. Le incoraggio e mi piace anche essere circondata da loro».

Quando Clark ha vinto il Grammy come Best Rock Song con Masseduction, una delle persone che ha chiamato è stata Laura Sisk, che ha lavorato come ingegnere alla canzone. «È una tosta», dice Clark. Uno sguardo ai crediti dell’album Masseduction mostra che anche lei ha avuto diverse ospiti femminili sia sul disco che in studio.

«Come in tutti i luoghi di potere, è necessario potersi sedere al tavolo», dice. «Se non sei al tavolo, sei sul menu. Quindi è importante avere più donne in posizioni di potere per dare una possibilità a chi, per ragioni di sfortunato sessismo sistemico in questo caso, non ne ha avuta ancora nessuna. Sono alleata con Alicia Keys per incoraggiare le cantautrici e le donne che lavorano dietro le quinte».

Clark è ottimista riguardo al futuro. «Vedo che le cose stanno cambiando», dice. «L’uguaglianza per tutti non significa che sia a scapito di questa persona o di quella persona, significa uguaglianza. Non ho potuto vedere tutte le esibizioni, ma sono rimasta colpita da H.E.R.. Ha suonato davvero bene, ed è così giovane. È stato eccitante vedere che il rapporto tra uomini e donne che suonano la chitarra è paritario, tra H.E.R., Brandi Carlile e me».

Al di là della sua musica, Clark è felice di produrre altri cantanti e lavorare in diversi aspetti del settore. Sta lavorando a un nuovo film e sta già pensando al suo prossimo disco, ma sta anche producendo l’album delle Sleater-Kinney, dopo No Cities to Love del 2015 e «un altro disco, ma non credo di poterne ancora parlare». Ciò che può dire, però, è che è entusiasta di lavorare con le Sleater-Kinney. «Adoro il disco che abbiamo realizzato», dice. «È così cattivo, cazzo».

Leggi anche