Home Musica Interviste Musica

Pusha T: «Sono l’ultimo supereroe del rap»

Il rapper parla del suo album, del suo ruolo nella G.O.O.D. Music e del prossimo album di Kanye West

Terrence "Pusha T" Thornton

Terrence "Pusha T" Thornton

Il 20 novembre, Pusha T ha pubblicato Untouchable, il primo singolo del suo secondo album in studio, King Push — Darkest Before Dawn: The Prequel. Sarebbe bastato già questo ai suoi fan, che hanno pazientemente aspettato per due anni l’uscita del seguito dell’album del 2013, My Name Is My Name. Ma il pezzo è arrivato in contemporanea con l’annuncio shock di Kanye West di nominare l’ex membro dei Clipse a capo della G.O.O.D. Music, l’etichetta che lo stesso West aveva fondato nel 2004. “The President of G.O.O.D. Music has been announced/A quarter million a year and that don’t bounce”, ha annunciato l’uomo nato Terrence Thornton all’interno del singolo, basato su un sample di Notorious B.I.G.

«Pensa che io potrei aiutare a mantenere alta la qualità di uscite su G.O.O.D. Music, che si tratti di musica, arte, moda o qualsiasi cosa in cui siamo culturalmente coinvolti, per mantenere i fan coinvolti», ha detto Pusha T a Rolling Stone riguardo la decisione di Kanye. È un duro lavoro, di sicuro, ma anche con un sacco di nuove faccende da sbrigare immediatamente, il primo ordine del giorno è stato quello di mettere sul mercato il prima possibile il suo album appena registrato.

Come suggerisce il nome, Darkest Before Dawn, in uscita il 18 dicembre, doveva essere un album oscuro e tagliente. «Non c’è nulla di basso profilo qui», ha detto a RS. «Per come vedo l’album è molto aggressivo e molto abrasivo. Ti salta addosso. A livello di testo, sono sempre uno di quelli che parla chiaro e penso che le persone non si perderanno neanche una parola». Come aiuto nella realizzazione di questa sua visione, Pusha T ha chiamato una serie di produttori di talento, inclusi Timbaland, Sean “Puffy” Combs” e l’uomo che gli ha dato le chiavi del regno, Kanye West.

Rolling Stone ha contattato il rapper per vedere come sta gestendo il suo nuovo ruolo, quali sono i piani futuri per G.O.O.D. Music e cosa possono aspettarsi i fan dalla sua prossima release.

Andando indietro fino agli inizi, cosa ti ha convinto a firmare con G.O.O.D. Music nel 2010?
Sai, l’ho deciso quando parlavo con Kanye riguardo la mia firma, mi ha portato in un luogo in cui c’era la musica che mi piaceva davvero e la musica che avevo fatto precedentemente. Abbiamo avuto un chiaro confronto su quello che avrei voluto fare e lui sembrava fosse l’avvocato del diavolo, dalla parte dell’hardcore e dell’hip hop senza compromessi. Non ho mai avuto un ripensamento. È stata l’unica cosa di cui abbiamo parlato.

Quando gli è venuta l’idea di farti diventare presidente?
Probabilmente sei mesi fa. Stavo scendendo da un aereo per tornare a casa e lui mi ha soltanto chiesto, «Che ne dici di essere presidente della G.O.O.D. Music?». Mi ha detto tipo, «Sento che tu sei parte della cultura, sento che sei in controllo di tutto quello che succede on line, e sei un critico davvero tosto».

Quali sono i tuoi doveri specifici come presidente della label?
Sono responsabile della supervisione delle uscite, dei lanci e tutto quello che coinvolge i fan in pratica – far chiudere il cerchio alla parte business, che sia merchandising o le cose come collettivo che possiamo fare in tour.

Qual è la tua visione del futuro di G.O.O.D. Music?
Penso che la musica debba stare sul pezzo con ciò che succede e quello che è creativo. Voglio dire, penso che siamo stati molto accurati in passato per quanto riguarda la creatività e la capacità di scegliere le cose che hanno avuto la forza di resistere al tempo. Con l’arrivo dei nuovi artisti, continueremo a guardare in quella direzione e andremo avanti a fare scelte intelligenti.

Parlaci della tua filosofia riguardo la scoperta dei nuovi talenti.
Se parliamo di talenti che vorrei portare nell’etichetta, se parliamo di rap, allora parliamo di artisti completamente autonomi che hanno una visione. Penso che è quello che stia succedendo nell’hip hop al momento, specialmente con i più giovani. Questi ragazzi sono completamente indipendenti, hanno una mentalità molto forte e hanno guadagnato il loro seguito. Hanno creato il loro circuito per quanto riguarda i tour e girano da soli i loro video. Per me, la questione sta nel trovare i migliori che possono fare tutto questo.

Ti vedi come un mentore?
Non penso di vedermi come un mentore, ma sono uno che aiuta, di sicuro. Ammiro quello che succede con i più giovani oggi. Con tutte le energie creative che hanno, cerco di spingere quelli che incontri e quelli che conosco a creare un business con quello che possono offrire, in modo che possano vivere le loro vite facendo qualcosa che amano.

Cambiando tema, parliamo del tuo prossimo album King Push — Darkest Before Dawn: The Prequel. Che tipo di temi avevi in testa mentre scrivevi i testi?
Penso che i miei testi siano dark e feroci. Penso che i testi di Darkest Before Dawn siano hip hop senza compromessi e che parlino alla mia base più calda. In pratica, quello per cui sono stato conosciuto da sempre. Credo di essere l’ultimo dei supereroi del rap. Davvero. Tutti gli altri mi sembrano delle vittime, non mi sento uno di loro.

Cosa intendi per vittime?
Se tu guardi il rap game di oggi… sai, quando io ho iniziato, i rapper erano i miei eroi. Li guardavo e pensavo fossero fighi. Pensavo fossero grandi artisti; erano icone di stile; erano tutto, tutto insieme. Ora, quando guardo ai rapper, e guardo agli idoli dei più giovani, tutto quello che vedo sono tizi che non hanno una base particolare o tizi che si lamentano sui media di qualcosa che non va e robe così, è un po’ troppo per me. Questi non sono come i rapper che mi piacevano. Tutti quelli che conoscevo quando stavo iniziando ad avere successo erano dei supereroi del rap per me e io volevo diventare come loro. Non ci sono molti rapper a cui vuoi somigliare oggi. È tutto bad business e liti fisiche, è troppo per me.

Le King Push x EQT Running Guidance '93, le nuove scarpe di Pusha T realizzate con adidas

Le King Push x EQT Running Guidance ’93, le nuove scarpe di Pusha T realizzate con adidas


E da un punto di visto sonoro, hai cercato di costruire qualcosa come hai fatto con My Name Is My Name, o volevi portare tutto verso un’altra direzione?
Riguardo al suono, penso che My Name Is My Name sia un po’ più leggero rispetto a ciò che ho creato adesso. Mi sono seduto con Timbaland, con Kanye, con Sean Combs, Boi-1da, Nashiem Myrick, Mario Winans, Baauer, Mano e tutti loro mi hanno dato la loro parte più scura su queste basi, e si abbina perfettamente a tutto ciò che sto facendo in questo periodo a livello di testo.

Hai già lanciato Untouchable e hai parlato del tuo lavoro con Timbaland. Come è andata quella collaborazione?
Lavoro spesso nello studio di Timbaland in Virginia e l’ho contattato perché volevo fare qualcosa che la gente non avesse ancora sentito. Non avevo mai lavorato con lui e la gente mi chiedeva perché non l’avessimo mai fatto. Siamo tutt’e due della Virginia e sono cresciuto con le sue cose. Semplicemente non è mai successo. Ma sai, i miei amici che sono in questo business, sono miei amici da una vita, quindi non riesco a capire davvero come la gente li veda da fuori. Comunque, gli ho chiesto questa cosa e lui mi ha chiamato alle 4 e mezza di mattina urlando che lui è l’hip hop e che nessuno può toccare il suo team. Mi ha detto tipo, «Mi hai chiesto qualcosa e ti darò tutto quello che stai cercando e non avrai bisogno di cercare da nessun’altra parte perché io sono l’hip hop!». Mi ha detto queste cose e poi mi ha mandato un file che comprendeva Untouchable.

Cosa hai pensato quando hai sentito per la prima volta quel sample di Biggie?
Non avrò mai il permesso di usarlo.

E come hai fatto poi?
Con la grazia di Dio, e con quello che ha lasciato Christopher Wallace (Notorious, ndt) e la grandezza di Voletta Wallaand (la madre di Notorious, ndt). Tutto si è allineato e tutti mi hanno seguito e l’ho apprezzato davvero tanto.

Quali sono le tue tracce preferite di Biggie?
My Downfall, Who Shot Ya? e dovrei dire anche Unbelievable.

Visto che sei il presidente della G.O.O.D. Music, devo chiederti a che punto siamo con l’album di Kanye, Swish? Come suona? Ci hai lavorato?
Non ci ho lavorato per niente, ma tutto quello che ho sentito è fenomenale e non ha niente a che fare con nessun altro album già pubblicato. Questo è tutto quello che posso dire. È super meticoloso riguardo la comunicazione sul suo album ma vi piacerà molto.

Ultima cosa: la gente ha a lungo parlato di un sequel della compilation della G.O.O.D. Music, Cruel Summer da quando è uscita nel 2012. È qualcosa che ti piacerebbe vedere?
È assolutamente nelle mie corde. Lo sto seguendo e farò in modo che succeda. È un mio obiettivo e io li raggiungo sempre.

Altre notizie su:  Pusha T