Home Musica Interviste Musica

‘Let’s Rock’, i Black Keys sono tornati con un nuovo album

Patrick Carney e Dan Auerbach raccontano come si sono ritrovati dopo cinque anni. E com'è nato il loro ultimo disco

Foto: Alysse Gafkjen per 'Rolling Stone'

La mattina del 5 settembre, Patrick Carney e Dan Auerbach sono entrati nello studio di Auerbach a Nashville, hanno preso in mano i loro strumenti e sono tornati a essere i Black Keys. Alla fine dell’autunno, avevano finito il loro nono album (auto prodotto) Let’s Rock — sì, il titolo è davvero questo. Come al solito, hanno creato l’intero disco da zero in studio, senza nulla di scritto in anticipo e pochissime discussioni. Erano trascorsi cinque anni da quando avevano registrato insieme l’ultima volta, ma non importava. “C’eravamo dentro da subito”, dice Carney. “Abbiamo scritto due canzoni il primo giorno. Cazzeggiavamo, e questo è il risultato”.

“È la magia che c’è tra me e Pat”, spiega Auerbach, che ha fondato una nuova band, registrato un album solista e prodotto almeno una dozzina di altri progetti durante la lunga pausa dai Keys. “È la stessa cosa che succedeva quando avevamo 16 anni, abbiamo iniziato a suonare e, come per incanto, sembrava musica. È stato davvero fantastico fare una pausa e poi tornare a suonare di nuovo con Pat”.

Per quanto riguarda il titolo: questo album, in effetti, ‘è rock’. Prossimo all’uscita il 28 giugno con l’etichetta Easy Eye Sound/Nonesuch, il nuovo disco racchiude un’energia decisamente più viscerale del loro ultimo album (l’atmosferico Turn Blue del 2014, prodotto da Danger Mouse) — dagli accordi AC/DC del brano di apertura Shine a Little Light a Eagle Birds, che unisce il vibe alla Blue Öyster Cult all’energia di ZZ Top, al riff power pop di Get Yourself Together fino al fuzz Spirit in the Sky del primo singolo, Lo/Hi. Non ci sono tastiere nell’album, e Auerbach ha suonato la maggior parte degli assoli di chitarra dal vivo; semplicemente smetteva di pensare alla ritmica e partiva.

Auerbach riconosce che la collaborazione con il defunto chitarrista Glenn Schwartz lo ha riconnesso alle sue originali ispirazioni distorto-blues, contribuendo alle sonorità orgogliosamente retrò del nuovo album. Ci sono anche delle sorprese, come la combinazione del bizzarro riff psichedelico in Listen to the Flower People con il cazzuto groove-rock di Breaking Down.

Nello specifico però, l’ispirazione per il nome dell’album è un po’ più dark. Auerbach spiega che, durante le registrazioni, si sono imbattuti in un articolo di un giornale del Tennessee sulla prima esecuzione sulla sedia elettrica dello Stato in 11 anni. Le guardie hanno chiesto all’omicida condannato Edmund Zagorski quali fossero le sue ultime parole: “Let’s Rock”, ha risposto lui. Di conseguenza, l’immagine di copertina dell’album è una sedia elettrica. “Nulla ti fa pensare più alla vita della morte”, afferma Auerbach ridendo.

Ora sia lui che Carney sono padri sposati alla soglia dei quarant’anni. I Black Keys sono tra gli ultimi artisti rock vitali dal punto di vista commerciale nati in questo secolo, e lo sono stati tanto a lungo che gli adolescenti Greta Van Fleet hanno appeso la loro copertina di Rolling Stone del 2012 come fonte d’ispirazione nello spazio per le prove. A questo punto della carriera, i Keys non sono particolarmente focalizzati sul successo commerciale. “Non abbiamo pensato allo stato della musica nel 2019”, afferma Carney. “È molto complicato e mi fa impazzire. La classifica è importante? No. La musica con Dan è importante? Sì”.

Desideravano incidere un album che amassero, ritrovarsi e rivedere i propri fan in tour. “Quattro anni fa sicuramente non avrei voluto fare un disco”, dice Auerbach. “Ma non era fondamentale fare il disco in sé, quanto portarlo in tour per due anni. Sono felice che ci siamo presi il tempo di stabilizzarci e allontanarci per un po’. È stato davvero utile, tutto sembrava migliore quando siamo tornati insieme… Sono davvero eccitato per questi show. Sono entusiasta di suonare per i fan e di eseguire alcune delle vecchie canzoni”.

Leggi anche