Home Musica Interviste Musica

‘Heart of Glass’ e i segreti dei Blondie raccontati da Debbie Harry

Dagli esordi folk-rock al prossimo album in studio, la voce dei Blondie racconta sei episodi della sua carriera che forse non conoscevate

Debbie Harry

Foto: Kevin Mazur/Getty Images

Debbie Harry dei Blondie – che di recente ha pubblicato la biografia Face It – e Chris Stein sono stati ospiti di Music Now, il podcast di Rolling Stone USA, per ripercorrere i primi anni della loro carriera. L’intervista – tutta in lingua inglese – è disponibile a questo link e sulle piattaforme iTunes e Spotify. Qui sotto, invece, le sei cose che abbiamo imparato ascoltandola.

Harry è imbarazzata per Djini Judy, una canzone che ha cantato col suo primo gruppo folk-rock, i Wind in the Willows
«Non l’ho scritta io!», dice. «Non datemi la colpa! Ho solo approfittato della possibilità di cantarla. La band era una sorta di gruppo di folk rock barocco. È stata fondata da una delle mie migliori amiche del liceo – anzi, è stato suo marito Paul Klein, che ha scritto tutto il materiale, credo. All’inizio cantavo solo le armonie e i cori, era tutto molto casuale. Poi tutto si è evoluto e abbiamo iniziato a registrare, ma incidere un disco in quegli anni era molto diverso da adesso. Comunque, Paul è morto di recente, quindi è tutto finito».

I New York Dolls hanno convinto Blondie che il successo era improbabile
«I Dolls erano molto importanti per la scena di New York», dice Stein, «ma anche in senso negativo, perché hanno fallito. Nessuno era pronto per loro. Il loro insuccesso ha un po’ isolato la scena della città. Tutti pensavano: “Oh, beh, perché provarci? Questa cosa non porterà a niente. E forse è meglio così”».

Harry si è tinta i capelli di biondo grazie a Marilyn Monroe – e altre donne famose
«Eravamo tutte molto influenzate», dice Harry. «Il canone della bionda. E Marilyn, ovviamente, era l’esempio perfetto, almeno negli anni ’50 e ’60. Io volevo che al centro della band ci fosse qualcuno con un’immagine cinematografica, qualcosa del genere. Credo che la prima canzone che ho scritto con Chris fosse Platinum Blonde, e dice: “Marilyn e Jeane, Jayne, Mae e Marlene”. Mi piacevano anche Carole Lombard e altre vecchie star – era un’immagine eccitante… cercavamo il nome per il gruppo e io ho detto: Ehi, perché non Blondie?».

Heart of Glass non doveva essere una canzone disco
«Volevamo fare come i Kraftwerk», dice Stein. «Pensavamo più all’elettronica che alla disco. L’idea era sincronizzare la drum machine con il sintetizzatore Roland».

Harry scriveva usando la lavatrice come metronomo
«Andavo in lavanderia per trovare un beat», dice Harry. «Scrivevo molto lì, perché non si fermavano mai – tutta la stanza vibrava di continuo».

I Blondie torneranno in studio per un nuovo album, e Harry va in giro con un quaderno di testi nella borsa
«Nell’ultimo album c’era molto materiale scritto da altri», dice Stein. «Il prossimo sarà pieno di cose nostre. Abbiamo anche una canzone stupenda che Johnny Marr ha composto per noi, vedremo cosa succederà».

Altre notizie su:  Debbie Harry