Gemitaiz, nonostante tutto | Rolling Stone Italia
Home Musica Interviste Musica

Gemitaiz, nonostante tutto

Al rapper romano Gemitaiz non basta il primo posto in classifica. Vuole verità, per questo mette in musica la sua vita – come Eminem

Zuppetta di pesce e Coca Cola, Gemitaiz cerca di godersi un pranzo a casa – è il ristorante vicino al suo studio romano, ma lo trattano come se – dopo l’ennesimo in-store strapieno in giro per l’Italia («Baci sulla guancia, abbracci, sono il loro fratello maggiore»), mentre l’album Nonostante Tutto è primo in classifica e il video del primo singolo Bene – ci informa dal suo smartphone il produttore Dj Harsh – è arrivato a 5 milioni di visualizzazioni.

È Tanta Roba, come la scritta del suo collanone (che poi è il nome dell’etichetta), e c’è tanta attesa per il tour che parte adesso: «Voglio che il sound sia perfetto e che io sia perfetto, in scaletta ci saranno tutte le mie hit, sul palco insieme a me ci sarà sempre alle basi Flavietto», che sorride – zuppetta di pesce pure per lui – seduto al suo fianco. «Ho la fortuna di lavorare con i miei amici, sono le persone più adatte che ci siano a produrre musica per un disco di Gemitaiz». Già, se non l’avete capito ancora, il segreto del successo di questo rapper è l’autenticità: «Voglio essere me stesso, soprattutto con il mio pubblico. Sono fidanzato con una ragazza (la stessa che si vede nel video di Forte), sono innamorato di lei da un po’ e sarebbe inutile fare un pezzo dove rappo che vado al club e me le scopo tutte, tanto per fare un esempio becero. Ci deve essere coerenza tra quello che scrivo, quello che di me vedi su Instagram e quello che vivo davvero. Adoro Eminem, non solo perché il più bravo di tutti, ma perché ha vissuto davvero quello che racconta, è autentico, sia nei pezzi dove si piange sia in quelli dove prende per il culo la madre».

E questa coerenza permette a Gemitaiz di fare musicalmente quello che gli pare: «I miei fan hanno capito che da me non ascolteranno mai la stessa canzone. Si sono tarati sul fatto che ogni pezzo sarà diverso dall’altro, e questa è una grande soddisfazione». E probabilmente i fan lo seguirebbero pure se facesse altro: la radio («Mi piacerebbe avere un programma dove metto musica per due ore, e andrebbe a finire che non ci sarebbe solo rap»), il cinema («Cerco di pensare e scrivere soggetti di video, anche quelli non miei») oppure un libro («La mia autobiografia si chiamerebbe come il disco, Nonostante Tutto»). Ovvero, Gemitaiz – nonostante tutto – ce l’ha fatta.

Altre notizie su:  Gemitaiz