Nate Ruess parla per la prima volta del suo album solista. Dopo i fun. | Rolling Stone Italia
Home Musica Interviste Musica

Nate Ruess parla per la prima volta del suo album solista. Dopo i fun.

«Per la prima volta sono a mio agio nella mia pelle», dice il frontman dei fun. Che ora va da solo, con un album che abbiamo sentito in anteprima

Nate Ruess, 32 anni, che sta iniziando una carriera solista dopo il successo con i fun.

Nate Ruess, 32 anni, che sta iniziando una carriera solista dopo il successo con i fun.

La scorsa primavera, Nate Ruess era in studio con il produttore Jeff Bhasker per registrare un demo di Nothing Without Love, una canzone che sarebbe dovuta entrare nel nuovo album della sua band, i fun. Ruess l’aveva scritta e riscritta per mesi, prima di decidere di cantare gli ultimi cambiamenti nella sua vita: la sua nuova relazione con la fashion designer Charlotte Ronson, la sua nuova carriera da autore, la bellezza di poter stare per un po’ lontano dalla responsabilità di essere il volto di una rock band da classifica. A un tratto, la canzone aveva iniziato a funzionare.

«Stavo finalmente dicendo quello che pensavo», dice Ruess in un’intervista esclusiva a Rolling Stone. «Per la prima volta sono a mio agio nella mia pelle. Per questo sto facendo un album solista».

Il video di “Some Nights”:

Nothing Without Love non sarà sul prossimo album dei fun perché – come ha annunciato la band su Facebook – non c’è nessun album dei fun in preparazione. Il loro Some Nights (2012) ha venduto più di tre milioni di copie. “Sarebbe stato facile per noi tornare in studio e capitalizzare il nostro momento”, hanno scritto, “ma fare dischi quando è giusto per il business non significa niente per noi. Scriviamo dischi e andiamo in tour quando siamo ispirati per farlo”.

Per i fan è stato uno shock. «Tutti si aspettavano molto da noi, ma un album come quello è difficile da replicare», dice Ruess. «La gente pensa che io sia pazzo ma non starò a perder tempo a cercare di rifare qualcosa che non tornerà. Sono qui per essere felice».

La versione acustica di “Carry On” dei fun:

Esce con Charlotte Ronson da quasi un anno. Quando si sono incontrati per la prima volta, Ruess stava scrivendo dei brani per il seguito di Some Nights. I suoi piani sarebbero cambiati di colpo («Ascoltavo un sacco di Belle and Sebastian», scherza lui). A maggio è andato a vivere a New York, le canzoni sono iniziate ad arrivare e lui ha deciso di tenerle per sè.

Doveva dire ai suoi compagni di band che non ci sarebbe stato un nuovo album dei fun. Ruess ammette che la notizia non è stata accolta bene.

Il video di “Headlights” di Eminem, ft. Nate Ruess:

A giudicare dalle canzoni che ha suonato per Rolling Stone, Ruess ha capito che essere ambiziosi non è una cosa cattiva. Il suo album solista ha inni da stadio – Nothing Without Love, di cui parlavamo prima, e Great Big Storm – e pezzi calmi e ruminanti come Take It Back, una ballata che contiene un assolo di chitarra gentilmente offerto da Jeff Tweedy degli Wilco. «È stato uno dei regali più belli che io abbia mai ricevuto», dice Ruess.

Ruess ha imparato ad essere felice, professionalmente e personalmente. Canta versi come “I’m ready to free/this grand romantic in me” (nella canzone di apertura, Ah Ha) e “Every single black eye has some blue” (in Take It Back).

Non gli interessa cosa accadrà ora. «Voglio che quest’album funzioni, perché mi piace. Ma alla fine, ogni sera, mi ritrovo nel letto con la persona che amo e mi addormento felice».

Altre notizie su:  Nate Ruess