Home Musica Interviste Musica

De Gregori: «Pago le tasse, ecco il mio impegno civile»

Il cantautore romano torna con un tour fuori da ogni schema: prima sul palco del Teatro Garbatella, poi nelle grandi arene italiane. E ci parla della musica liquida e dell'amore per i dischi, di migrazioni e senso di comunità

In un’epoca in cui – non solo in ambito musicale – pare esserci sempre meno spazio per l’autorialità, quello di Francesco De Gregori è un ritorno che conta. Soprattutto per le modalità con cui l’artista romano ha annunciato di voler portare in giro la propria musica nei prossimi mesi. Nella nostra intervista – il video qua sopra – racconta i nuovi progetti e la direzione che ha deciso di prendere con la sua arte, la ritrovata passione per i live e la sua idea di comunità oggi.

Sono tanti, infatti, gli impegni di De Gregori per i prossimi mesi. Dal 28 febbraio al 27 marzo terrà una serie di concerti – dal titolo Off the Record – al Teatro Garbatella di Roma, in uno dei quartieri più popolari della città, davanti a un pubblico di 230 spettatori a sera. Accompagnato dalla sua band – Guido Guglielminetti al basso e contrabbasso, Carlo Gaudiello al piano e tastiere, Paolo Giovenchi alle chitarre e Alessandro Valle alla pedal steel guitar e al mandolino – proporrà ogni sera una scaletta variabile e parecchia improvvisazione. 

Foto Daniele Barraco

In estate torneranno invece i grandi palchi, con una tournée che lo vedrà protagonista assieme a un’orchestra di 40 elementi, che avrà come nucleo centrale il quartetto degli Gnu Quartet, capace di traslocare in un contesto sinfonico i grandi successi della carriera dell’artista. Gli spettacoli – chiamati De Gregori & Orchestra – Greatest Hits Live – vedranno il via dall’11 giugno alle Terme di Caracalla a Roma, per poi trasferirsi al Teatro Antico di Taormina (15 giugno), al Lucca Summer Festival (30 giugno) e all’Arena di Verona (20 settembre). 

I live sono anche al centro di Vero dal vivo, il documentario realizzato dal filmmaker e fotografo Daniele Barraco, che racconta il tour che tra l’ottobre e il novembre 2017 ha portato De Gregori in giro per l’Europa e gli Stati Uniti, dal Bataclan di Parigi allo Shepherd’s Bush Empire di Londra e il Town Hall di New York. Il film sarà trasmesso in prima serata su Rai3 sabato 1 dicembre.

Nel corso del tour fuori dai confini nazionali, infine, De Gregori ha registrato – presso i Real World Studios di Peter Gabriel a Bath – la versione acustica e quella orchestrale della canzone napoletana Anema e Core, interpretata assieme a sua moglie Chicca. Il 45 giri è disponibile in un’edizione limitata di 500 copie, mentre una versione ancora più preziosa è quella che unisce il vinile e una xilografia originale dell’artista Mimmo Paladino, realizzata in 99 esemplari numerati.

Leggi anche