Home Musica Interviste Musica

Che cos’ha in mente Achille Lauro per Sanremo?

Abbiamo intervistato il cantante romano, in gara quest’anno con ‘Me ne frego’, per cercare di comprendere il suo nuovo progetto. E non ci abbiamo capito granché

Achille Lauro

Foto: Luca D'Amelio

Che cos’ha in mente Achille Lauro? È la prima cosa che ho pensato dopo l’intervista che gli ho fatto, durante la quale ha centellinato le risposte: «Non vorrei dire troppo su quello che si vedrà a Sanremo. Me ne frego è uno stile di vita che può essere inteso in vari modi: dalla storia sentimentale al giudizio degli altri».

L’artista romano presenta così il brano in gara al festival. Da quando è stata annunciata la sua partecipazione, sul suo profilo Instagram appaiono immagini tra il mistico (come San Francesco) e l’esoterico, tipo le carte simil-tarocchi che annunciano l’arrivo di quattro personaggi con altrettanti indizi: il lupo, il fulmine, la maschera e la corona. Elementi che, proprio ieri, il cantautore ha disegnato, improvvisandosi artista di strada, con un flash mob a Milano. A ogni modo, se qualcuno pensa a una canzone a sfondo religioso, della serie “ho visto la luce”, è fuori strada. Me ne frego è un pezzo rock mixato con elementi elettro-dance: «Sono predominanti la cassa e il basso. È il rock anni ’80, può essere vicino a Flashdance come mondo. Quello che conta è l’esibizione: portato da noi sarà un pezzo super punk».

Vorrei saperne di più. Niente. Bocca cucita. Riesco solo a strappargli una confessione: «Quest’anno a Sanremo porto il vero me. L’anno scorso ero io al 50%, avevo il freno a mano tirato». Per questa edizione si sente, quindi, molto più a suo agio e consapevole. «Vorrei che le persone mi conoscessero un po’ meglio». L’ex trapper ammette anche di essere particolarmente sicuro delle esibizioni. Ognuna delle quattro previste a Sanremo è per lui «un concerto aggiunto alla lista dei live di quest’anno».

Inedito a parte, nella serata di giovedì 6 febbraio dedicata alla storia di Sanremo canterà Gli uomini non cambiano di Mia Martini. E lo farà in coppia con Annalisa. Gli facciamo notare il rischio connesso alla scelta del brano. La risposta è diretta: «Dipende da com’è interpretato e da come ce lo si la sente addosso. Mi piace il racconto di una donna e del suo rapporto con gli uomini. Ci sono varie fasi in cui parla della famiglia e della relazione sentimentale. È una delle più belle canzoni della musica italiana, mi emoziona sempre. L’ho scelta perché volevo portare una cosa abbastanza personale».

Per il futuro niente album all’orizzonte: «Ho già 50, 60 brani pronti. Questo è il momento in cui sento più mia la musica, voglio lavorare con calma, non mi interessa andare a Sanremo e lanciare un disco. Me ne frego è un singolo a sé. Ho già tre progetti pronti, ma usciranno piano piano». Nel frattempo continua a scrivere libri, girare documentari, dipingere, «suonare, comporre anche canzoni con quattro accordi che sono le più belle che ho scritto». Gli manca solo la direzione artistica di Sanremo. Una risata e l’ammissione: «Sarebbe una figata».

Altre notizie su:  Achille Lauro Sanremo Sanremo 2020