Home Musica Interviste Musica

Chad Smith: «I Red Hot Chili Peppers stanno scrivendo un nuovo album con Frusciante»


Intervistato in occasione della sua seconda mostra, il batterista ha confermato che la band è al lavoro su nuova musica: «Siamo felici del ritorno di John, ma non posso dire altro»

Chad Smith

Chad Smith, il batterista dei Red Hot Chili Peppers, non è preoccupato di cosa penserà di lui il mondo dell’arte di fronte alla nuova mostra, intitolata The Art of Chad Smith, attualmente esposta alla Russell Collection Fine Art Gallery di Austin. «È un modo nuovo e divertente per esprimere me stesso», dice. «Se lo apprezzeranno o meno non importa. Non mi offenderò se a un appassionato di Basquiat non piacerà il mio lavoro».

L’avventura artistica di Smith è iniziata nel 2015, quando SceneFour, un collettivo di artisti di Los Angeles, l’ha contattato per una collaborazione. Il gruppo aveva lavorato con altri batteristi – Bill Ward dei Black Sabbath, Mickey Hart dei Grateful Dead e Dave Lombardo degli Slayer – per creare opere astratte con l’obiettivo di catturare l’essenza della loro musica. «Pensavo che avessero idee interessanti», spiega Smith, che non aveva mai pensato di lavorare nelle arti visive. «È sempre divertente cambiare, crescere e cercare nuove sfide, fare cose diverse».

“Jellyfish Series”, di Chad Smith

Il processo di creazione delle opere è iniziato consegnando a Smith bacchette luminescenti, e fotografandolo mentre suonava. «Poi hanno preso le foto e le hanno manipolate in vari modi», spiega il batterista. «Usavano diversi colori, texture e profondità. Io gli davo il mio feedback e la mia opinione. È un processo che dura vari mesi, ma non sono con loro a lavorare con le stampanti e tutto il resto».

In qualche modo, questo lavoro gli ha ricordato quello con i Red Hot Chili Peppers. «È la stessa cosa, si tratta di trovare persone con la tua stessa visione artistica», dice. «E restare aperto a cose nuove, introdurre nuove idee». La sua prima collezione di opere, Parallax, ha debuttato nel 2016. Tre anni fa il batterista era meno coinvolto, ma con la nuova mostra invece, ha contribuito alle opere aggiungendo vernice, gesso e persino un cacciavite. «Volevo renderle speciali. Avevo questo tavolo di attrezzi e mi sono lasciato ispirare».

Il batterista sarà ospite della galleria l’11 e 12 gennaio, ma non è chiaro cosa succederà al suo arrivo. «Mi hanno chiesto di suonare, ma non voglio fare performance», dice. «Non voglio suonare in galleria con le bacchette luminose. Sembra un po’… non mi piace quella strada. Mi presenterò lì e vedrò cosa succederà. Magari ci saranno tre persone, vedremo».

Nel frattempo, la routine dei Red Hot si è fatta molto più interessante, grazie al ritorno del chitarrista John Frusciante dopo un’assenza durata 10 anni. Smith sa che i fan sono ansiosi di scoprire cosa hanno in serbo per le esibizioni ai festival del 2020, ma non può dire ancora molto.

«Prima di fare quest’intervista mi hanno dato degli ordini: “NON PARLARE DELLA BAND”», dice. «Ma sì, John è tornato, lo sanno tutti. Siamo eccitati. I festival sono gli unici concerti in programma. Per ora, ci stiamo concentrando sulle nuove canzoni e scrivendo un nuovo album. Siamo davvero felici di fare nuova musica».

Per chiarire: le sue parole sono una conferma che la band sta scrivendo un nuovo album? «Sì», dice Smith. «Non posso dire altro».

Leggi anche