Home Musica Interviste Musica

Cesare Cremonini presenta “Più che logico live”: «I motociclisti sono le nuove rockstar»

Un nuovo album live con quattro inediti e da ottobre in tour nei palazzetti: «Il mondo dei piloti è davvero rock, altro che i grandi festival europei»

Cesare Cremonini, foto ufficio stampa

Cesare Cremonini, foto ufficio stampa

Tre cd, ventidue brani dal vivo, quattro inediti e un booklet di 60 pagine che pare un libro vero e proprio. Domani esce Più che logico live di Cesare Cremonini, la testimonianza del suo successo dal vivo e quattro “sofferte” nuove canzoni. «Quando si scrive un album con un bel numero di canzoni, sono tutte importanti ma la responsabilità viene ripartita tra tutte quante. Invece, se ne scrivi solo quattro, che completano un live, ti senti terribilmente responsabile per quelle quattro, così ci ho messo sei mesi a tirarle fuori!». Così, ecco Buon Viaggio (Share The Love), il singolo in radio dal 27 marzo, Lost In the Weekend, Quasi quasi e 46.

La canzone che per i suoni si differenzia di più dal passato è Lost In the Weekend che ricorda molto l’elettronica anni ’80 e «probabilmente diventerà la colonna sonora del nuovo tour che partirà a ottobre, la storia di un weekend dove si parte con aspettative altissime ma poi non finisce benissimo», racconta Cremonini.

Quasi, quasi, invece, «è un pezzo che si presta a essere sussurato nell’orecchio della persona amata, perché ce lo dimentichiamo ma a questo servono i cantautori», prosegue Cremonini, «bisogna fermarsi ogni tanto e dedicarsi solo al rapporto a due, senza voler per forza ostentare e condividere sempre tutto col resto del mondo».

Mentre 46, già inno per lo Sky Racing Team VR46 (di Valentino Rossi), è dedicato a quelli che lui considera i nuovi miti di oggi: i motociclisti, appunto. «Sono sempre stato affascinato dal mondo del motociclismo e delle due ruote e sono riuscito a conoscerlo meglio grazie a Valentino e gli altri. Sono andato a diversi raduni e li trovo più rock persino dei festival europei: tendine, moto e birre tutta la notte. Secondo me sono le vere rock-star di oggi, sono i nuovi Mick Jagger e Vasco».

Come si dice a Bologna “Ho visto un bel mondo”

Il lunghissimo booklet che accompagna il cd è un idea del produttore che all’inizio ha lasciato perplesso lo stesso Cremonini: «Pensavo fosse una fatica inutile, invece poi mi è venuta una voglia pazzesca di raccontare le mie impressioni e l’intera giornata di un concerto, da quando mi sveglio a quando arriva l’ora di pranzo e non ho per niente fame perché sono agitato. Questo libretto è come se fosse il pezzo in più, anzi il sangue in più».

Cremonini si sente in un momento estremamente fortunato, «mi sento finalmente dove voglio stare. Non è sempre stato così, a volte mi sembrava di avere un grande seguito di pubblico ma di aver poco da condividere con lo stesso. Ora non è assolutamente così. Come mi dicono spesso a Bologna, “Ho visto un bel mondo”. Forse perché non mi sento soltanto un cantante, anzi, mi sento un organizzatore di feste musicali e mi sento prontissimo a ricominciare».

E alla “temutissima” domanda dove ti vedrai tra dieci anni, Cremonini dice di sperare di aver altre cose importanti oltre alla musica: «Ora ho un rapporto ancora adolescenziale con la musica, mi addormento con il mio cd sotto il cuscino che mi coccolo. Spero di avere una moglie e di non comportarmi in questo modo. Poi magari me ne andrò in interail e andrò ad Amsterdam, che ne sapete!». «Comunque se rinascessi vorrei nascere pilota», conclude ridendo.

Queste le date del Più che logico tour:

Ottobre
23 TORINO – Pala Alpitour
24 GENOVA – 105 Stadium
27 ROMA – Palalottomatica
30 PESARO – Adriatic Arena
31 BOLOGNA – Unipol Arena

Novembre
3 FIRENZE – Mandela Forum
5 EBOLI (Salerno) – Palasele
7 ACIREALE (Catania) – Palasport
10 BARI – Palaflorio
13 MILANO – Mediolanum Forum
17 MONTICHIARI (Brescia) – PalaGeorge
19 PADOVA – Palafabris
21 CONEGLIANO (Treviso) – Zoppas Arena
22 TRIESTE – PalaTrieste
24 VERONA – Palasport

Altre notizie su:  Cesare Cremonini