Home Musica Interviste Musica

Camila Cabello: «’Romance’ è ispirato ai suoni degli anni ’80, e sarà grandioso in concerto»

L'ex Fifth Harmony racconta il suo secondo LP, scritto pensando al tour con Taylor Swift e ai suoni degli anni '80, la relazione con Shawn Mendes e il suo amore per il pop del 2000

Camila Cabello

Foto: Christian Vierig/GC Images/Getty Images

Camila Cabello ha pensato a come suonare dal vivo le canzoni del suo nuovo album prima ancora di registrarle. Dopo essersi esibita negli stadi nel 2018 come opening act del tour della sua amica Taylor Swift, la 22enne è entrata in studio per lavorare al suo secondo album, Romance, con un obiettivo ben preciso: incidere canzoni roboanti che suonassero bene dal vivo.

«Mi sono ispirata ai suoni degli anni ’80», dice da Londra, un po’ stordita dal jetlag. «Mi piacciono le atmosfere drammatiche – come i Queen, che suonavano tutto con grande intensità. Volevo che le mie canzoni fossero straordinarie in concerto».

Mentre le canzoni del debutto parlavano delle sue radici e dei primi amori, ed erano scritte per trasformarla in un’artista solista diversa dalle Fifth Harmony, per Romance Cabello ha immaginato un disco a tema. Nel frattempo si è innamorata di un amico e collega, Shawn Mendes, e ha incanalato la loro storia nei singoli Shameless e Cry for Me. Nell’intervista con Rolling Stone, la popstar racconta del suo nuovo amore e della genesi del disco.

Cosa fa più paura: pubblicare l’album di debutto o dare seguito a quel successo?
Ho una risposta complicata a questa domanda, pensieri che hanno a che fare con come mi sento adesso. Ho una personalità piuttosto estrema, quindi ho paura di tutto oppure non ho paura di niente. A volte sì, l’idea del successo mi ha spaventato, ma non è una questione di pressione. Il problema è più andare in studio e mostrarmi vulnerabile di fronte a persone che ho appena incontrato, quello mi spaventa. In altri giorni, invece, non è così. Ai tempi del primo album andavo in studio super preparata, con tutti i testi di tutte le canzoni già scritti, e dieci concept e titoli per quello che volevo scrivere quel giorno. Ma con le canzoni i momenti migliori arrivano quando l’ultima cosa che vuoi fare è comporre.

Hai compiuto 21 anni prima di andare in tour con Taylor Swift e Charli XCX. Avete fatto serata insieme?
Mi spiace non averlo potuto fare di più! Non ne abbiamo fatte abbastanza. Vorrei uscire ancora con loro, magari quando saremo tutte a Los Angeles. In tour andavo nel camerino di Taylor e stavo con lei, non facevamo festa insieme. Credo sia successo solo una volta, a metà del tour.

Qual è la tua canzone preferita di Lover?
Amo Afterglow. Quando è uscita l’ho ascoltata 30 volte di fila.

Di recente hai postato un video in cui canti e balli Fabulous, da High School Musical, nel tuo bagno. La didascalia era “Benvenuti nell’età adulta”. È così che passi le tue serate?
Oh, dio, sì. È la mia terapia: ascolto canzoni dei primi anni 2000. C’è una playlist che ho trovato su Spotify: Shut Up and Drive di Rihanna, My Humps dei Black Eyed Peas, Fergalicious di Fergie, Complicated di Avril Lavigne. Ogni volta che mi sento ansiosa e voglio un po’ di gioia, metto quelle canzoni e canto a squarciagola. Sono ossessionata dalle canzoni della mia infanzia. Fanno sembrare tutto semplice e divertente.

Sei famosa per essere incredibilmente gentile. Qual è la cosa più cattiva che hai fatto?
Sono sicura di aver fatto delle cattiverie, magari inconsapevolmente. Ma sono davvero sensibile, non credo che potrei fare del male a qualcuno di proposito. Non lo dico per sembrare super pura – semplicemente non mi ricordo di esserne mai stata capace.

Qual è la cosa più ribelle che hai fatto?
Quando ero con le Fifth Harmony, io e un’altra delle ragazze ci siamo imbucate in un club al primo piano di un albergo, e abbiamo fatto serata. Avevamo 16 anni o qualcosa del genere, quindi per uscire dovevamo avvertire il tour manager e la security. Non è una grande risposta, lo so: l’ultima cosa ribelle l’ho fatta a 16 anni.

Era una bella festa?
Era divertente perché non dovevamo essere lì. Ma questa domanda mi dà la carica! La prossima volta che parleremo avrò un aneddoto più recente.

Stai uscendo con Shawn Mendes. Quando la vostra amicizia si è trasformata in una relazione?
Durante I Know What You Did Last Summer, abbiamo legato e non eravamo più solo amici. Credo fosse lo stesso per lui, ma eravamo davvero giovani e lui era sotto pressione per la sua carriera. Non credo che sapessimo come affrontare i nostri sentimenti. Era una situazione imbarazzante, ci piacevamo ma non eravamo insieme. Era strano. Tra di noi c’è sempre stata una certa chimica, ma dopo quella canzone non ci siamo visti più granché. Le nostre strade non si sono più incontrate, finché non siamo tornati a uscire e a scrivere insieme. A quel punto i sentimenti sono tornati.

Durante la tua apparizione a SNL hai omaggiato la performance dei VMA in cui Madonna si è vestita da Maria Antonietta. Poi le hai dedicato il premio vinto ai Video Music Awards. Quanto ti ispiri a lei?
Madonna è davvero cazzuta. Vorrei assomigliarle di più. Forse lo vogliono tutti.

Com’è stato lavorare con Ed Sheeran?
A volte entri in studio con della gente, e capisci subito chi si sforza per registrare una hit a tutti i costi. Ed, invece, è pieno di entusiasmo. Non riesce a fermarsi. È un continuo: “Ok, qual è la prossima canzone? Che facciamo ora?”

I tuoi video sono pieni di riferimenti a film romantici. Qual è il tuo preferito?
Adoro Questione di tempo. L’hai visto?

A dire la verità no.
Oh, dovresti! C’è Rachel McAdams. È il mio film romantico preferito; molto sottovalutato.

Hai una coppia cinematografica preferita?
Certo. Noah e Allie di Le pagine della nostra vita.

Un classico.
Ma non dimentichiamo Rapunzel e Eugene di Rapunzel – L’intreccio della torre. Stavo per dire Carrie Bradshaw e Mr. Big di Sex and the City, ma credo che la loro relazione sia un po’ tossica. Ma adoro il loro primo periodo.

Leggi anche