Home Musica

Flashback: com’è nato ‘Rumours’ dei Fleetwood Mac

Quando scrisse il singolo 'Dreams', Stevie Nicks era seduta sul letto di Sly Stone un pomeriggio all'inizio del 1976. I segreti dietro all'album-capolavoro della band, tra separazioni e drammi personali

Quando scrisse Dreams, Stevie Nicks era seduta sul letto di Sly Stone un pomeriggio all’inizio del 1976. Lo studio di Stone – all’interno della Record Plant di Sausalito, in California – era in fondo al corridoio da dove lei e il resto dei Fleetwood Mac stavano registrando Rumours, e lei spesso andava lì per fare una pausa. Portava il suo piano elettrico, i diari e i disegni e si sdraiava sul letto circondato da tende nere del re del funk. “Non era la mia stanza, quindi era fantastico”, ha ricordato nel documentario realizzato su Rumours nel 1997, all’interno della serie Classic Albums. “Quando l’ho scritto sapevo che era davvero speciale. Non ero insicura nel mostrarlo al resto della band”.

Nicks si era unita ai Fleetwood Mac solo un anno prima, insieme al collega e compagno nella vita Lindsey Buckingham. Dopo che il gruppo psichedelico Fritz si era sciolto, i due stavano avendo meno successo come duo Buckingham Nicks. Fu chiesto loro di unirsi alla band blues inglese che era in difficoltà da quando il fondatore Peter Green aveva lasciato il gruppo nel 1970. Il primo album della coppia con la band, Fleetwood Mac del 1975, ha riscosso un grande successo commerciale grazie alla canzone di Nicky Rhiannon. Ed ora erano pronti per un seguito, che li avrebbe fatti conoscere a un pubblico ancora maggiore.

Con i letti ad acqua, le maschere antigas all’ossido di azoto e una cavità per le registrazioni profonda 10 piedi denominato “la fossa”, la Record Plant era l’epitome dell’eccesso degli anni ’70. I Mac hanno trascorso nove settimane a registrare, nel bel mezzo di conflitti coniugali e caos nei rapporti. Nicks e Buckingham si salutavano, la cantante Christine McVie e il bassista John McVie divorziavano dopo otto anni di matrimonio e anche Mick Fleetwood stava affrontando una separazione. “Tutti erano fuori di testa”, ha detto Christine McVie a Cameron Crowe nel 1977. “In qualche modo Mick era il nostro leader: ‘Dobbiamo andare avanti, cercare di essere maturi'”.

Rilasciato nel marzo 1977, Dreams diventò il secondo singolo di Rumours. Nel video in alto la band mentre la eseguiva quell’anno, con Nicks in abito nero che mette a segni una performance vocale potente. “Like a heartbeat, drives you mad/In the stillness of remembering what you had/And what you lost,” canta Stevie a due metri di distanza dall’uomo a cui si rivolge nel brano. Buckingham avrebbe restituito il favore con Go Your Own Way, in cui rispondeva: “Packing up/Shacking up is all you want to do”.

Rumours, che ha festeggiato il 42esimo anniversario nei giorni scorsi, ha trasformato i Fleetwood Mac in superstar internazionali. Secondo Buckingham, il successo dell’album era dovuto al fatto che il gruppo fosse più forte della somma delle parti. “C’erano queste discussioni tra membri della band su cose che accadevano mentre stavamo registrando”, ha raccontato.

I Fleetwood Mac hanno recentemente lanciato un’altra tappa del loro tour mondiale in corso, la prima senza Lindsey Buckingham da quando è rientrato nel gruppo nel 1996. Il chitarrista è stato licenziato e sostituito da Neil Finn degli Heartbreakers e Mike Campbell dei Crowded House. “La nostra relazione è sempre stata instabile. Non siamo mai stati sposati, ma avremmo anche potuto esserlo”, ha spiegato Nicks a Rolling Stone lo scorso anno. “È triste per me, ma voglio che i prossimi 10 anni della mia vita siano divertenti e felici. Voglio alzarmi ogni giorno e ballare nel mio appartamento, sorridere e dire: ‘Grazie a Dio per questa vita meravigliosa’”.

Leggi anche