Home Musica

È morto Neil Peart, batterista dei Rush

Aveva 67 anni. Lottava da tre anni e mezzo con un tumore al cervello

Neil Peart dei Rush nel 1979

Foto: Fin Costello / Redferns

È morto Neil Peart. Il batterista e autore dei testi dei Rush se n’è andato martedì 7 gennaio a Santa Monica, California. Aveva 67 anni. Lo afferma Elliot Mintz, portavoce della famiglia. La causa della morte è un tumore al cervello, con cui lottava da tre anni e mezzo.

Peart è stato uno dei grandi batteristi della storia del rock grazie a uno stile esuberante e assieme preciso che rendeva omaggio e superava quello del suo eroe, Keith Moon degli Who. Ha fondato i Rush nel 1974 con il cantante e bassista Geddy Lee e il chitarrista Alex Lifeson. Il suo stile e i suoi testi pieni d’immaginazione, che attingevano tra le altre cose a Ayn Rand e alla letteratura di fantascienza, hanno contribuito a fare del trio uno dei classici dell’età dell’oro del rock. I suoi drum fill in pezzi come Tom Sawyer avevano la stessa efficacia dei ganci melodici ed erano a loro modo delle mini-composizioni. Era autodidatta e autore di talento di numerosi libri.

In una dichiarazione diffusa venerdì 10 gennaio, Lee e Lifeson si riferiscono a Peart come a un “amico, fratello e compagno per oltre 45 anni” e definiscono “incredibilmente coraggiosa” la sua battaglia con il glioblastoma, una forma di tumore al cervello molto aggressiva. “In questo momento doloroso chiediamo che amici, fan e media rispettino il bisogno di privacy e tranquillità della famiglia”, dicono Lee e Lifeson. “Chi vuole esprimere le condoglianze può farlo attraverso una donazione a nome di Neil Peart a favore della ricerca o di un ente di beneficenza. Riposa in pace, fratello”.

Peart non ha mai smesso di credere nelle possibilità della musica rock (“un dono inestimabile”, lo definiva nel pezzo dei Rush del 1980 The Spirit of Radio). Disprezzava la commercializzazione dell’industria musicale. “Devi essere un eroe per te stesso”, ha detto a Rolling Stone nel 2016. “Non voglio tradire i valori di quando avevo 16 anni: mai svendersi, mai cedere ai potenti. Niente compromessi”.

“Neil è il numero uno fra i batteristi su cui fare air drumming”, ha detto nel 2015 Stewart Copeland, ex Police. “È la forza motrice della band, che è un concentrato di musicalità e idee”.

I Rush hanno fatto la loro ultima tournée nel 2015. Peart era stanco di andare in tour e intendeva passare più tempo con la moglie Carrie Nuttal e la figlia Olivia.

La figlia diciannovenne Selena era morta il 10 agosto 1997 in un incidente automobilistico sulla strada per l’università di Toronto, che frequentava. Cinque mesi dopo, alla madre di Selena e compagna di Peart da 23 anni, Jackie, era stato diagnosticato un cancro, che l’ha uccisa velocemente. Distrutto, Peart aveva detto addio alla band e aveva intrapreso un viaggio in motocicletta attraverso gli Stati Uniti. Si era risposato nel 2000 ed era tornato nei Rush nel 2001.

Peart era cresciuto a Port Dalhousie, un sobborgo medio-borghese a un centinaio di chilometri da Toronto. Era un adolescente con la permanente, indossava mantello e stivaletti viola, scriveva “dio è morto” sul muro della camera. Un giorno s’era messo nei guai battendo un ritmo sul banco di scuola. Il  maestro lo punì chiedendogli di continuare a suonare per un’ora. La passò ricreando le parti di Keith Moon in Tommy.

Altre notizie su:  Neil Peart Rush