Dentro Karma Clima, il laboratorio musicale dei Marlene Kuntz | Rolling Stone Italia
Home Musica

Dentro Karma Clima, il laboratorio musicale dei Marlene Kuntz

La band ha invitato alcuni fan a seguire le session del nuovo album, un progetto itinerante che tocca tre borghi piemontesi e prevede musica e incontri con le comunità locali. Parole chiave: esplorazione e partecipazione. Noi c'eravamo

I Marlene Kuntz

Foto: Michele Piazza

Lucca, Roma, Sondrio. Sono solo alcune delle città da cui provengono una quarantina di fan dei Marlene Kuntz presenti alle prove aperte della band a Ostana, oltre 1300 metri sul livello del mare in provincia di Cuneo. In un soleggiato giovedì d’autunno, gruppi di amici e coppie con bambini hanno percorso tortuosi tornanti per arrivare qui su, dove Cristiano Godano, Riccardo Tesio, Luca Lagash e Davide Arneodo sono al lavoro sul loro nuovo album, atteso per la primavera del 2022.

Questa di Ostana è la prima tappa di Karma Clima, un progetto itinerante dei Marlene Kuntz che tocca tre borghi piemontesi – gli altri due saranno Piozzo e la borgata Paraloup di Rittana – tre luoghi magici in cui scrivere e registrare canzoni incontrando le comunità locali, dialogando con altre arti come pittura e scultura, e intercettando nuovi e sostenibili modelli di impresa.

E questa dei Marlene Kuntz è un’impresa prima di tutto artistica, guidata da una domanda che nuota nell’aria intorno al Monviso: che esperienza desideri? Un interrogativo che i membri della band, a Ostana da ormai 15 giorni, rivolgono prima di tutto a loro stessi.

Foto: Michele Piazza

Foto: Michele Piazza

I fan pensavano di assistere a un live dei Marlene Kuntz nel centro culturale Lou Pourtoun, lo spazio gestito dalla cooperativa di comunità Viso a Viso che ha co-prodotto questa residenza del laboratorio creativo Karma Clima. E invece hanno goduto di qualcosa di più.

In due ore di prove aperte, i fedelissimi dei Marlene Kuntz hanno prima seguito le registrazioni di chitarra di Riccardo Tesio, tra arpeggi e riff ripetuti più e più volte fino alla soddisfazione sonica. E poi si sono ritrovati faccia a faccia con Cristiano Godano che, invece di suonare o cantare, si è aperto rispondendo a ogni singola domanda, e più che un’intervista è stata una chiacchierata tra vecchi amici.

Così, Godano si è ritrovato per esempio a raccontare del rapporto con il figlio aspirante rapper, stupito dal fatto che il padre scriva ancora le canzoni usando carta e penna invece che le note vocali di uno smartphone. E ha poi svelato come nascono e crescono alcuni versi e brani dei Marlene Kuntz, come quelli in fase di incubazione qui a Ostana.

Foto: Michele Piazza

Foto: Michele Piazza

Per spiegare l’idea dietro Karma Clima, il bassista Lagash sceglie due parole chiave: esplorazione e partecipazione. Vivendo e lavorando al nuovo disco a Ostana, e nei prossimi due mesi a Piozzo e nella borgata Paraloup di Rittana, i Marlene hanno infatti la possibilità di conoscere, far conoscere e valorizzare posti fuori dai canonici circuiti storico-culturali, facendosi influenzare dall’atmosfera e dalle idee che si respirano in questi borghi e restituendo energia sotto forma di musica e canzoni.

Musica, canzoni ed esperienze desiderabili condivise tanto con chi vive e fa vivere questi luoghi, quanto con chi fa parte della famiglia allargata dei Marlene Kuntz ed è disposto ad arrivare davvero ovunque per loro.

Foto: Michele Piazza

Foto: Michele Piazza

 

La prossima tappa di Karma Clima è in programma dal 22 novembre al 5 dicembre a Piozzo, continuate a seguire questo stupefacente viaggio dei Marlene qui su Rolling Stone.

Altre notizie su:  Marlene Kuntz Karma Clima