I 20 singoli più venduti in Italia nel 2002 | Rolling Stone Italia
Home Musica Classifiche e Liste

I 20 singoli più venduti in Italia nel 2002

Freak e ‘Freeek’, pezzi nazionalpopolari e tormentoni latineggianti, cover e remix, finte lesbiche e vere rockstar, Madonna e una Lolita: vent’anni fa gli italiani ascoltavano e compravano queste canzoni

Nicole Kidman e Robbie Williams

Foto dalla copertina di 'Somethin' Stupid'

20“Sei solo tu” Nek feat. Laura Pausini

Così la smettete di dire che «ai miei tempi, nei primi anni 2000, girava solo bella musica».

19“Freeek!” George Michael

È il singolo col quale George Michael volle dimostrare d’essere al passo coi tempi, una popstar rilevante alle prese con un pezzo carico, anche di campionamenti (Kool & The Gang, Aaliyah, Q-Tip). Altri tempi: il budget per il video diretto da Joseph Kahn era pari a due milioni di dollari.

18“A Little Less Conversation (Official JXL Remix)” Elvis Presley

Il primo rilancio di Elvis Presley presso un pubblico più giovane, che non aveva vissuto neanche di striscio la sua epopea, avvenne vent’anni fa tramite un remix di un suo pezzo del ’68 ad opera dell’olandese Junkie XL. Numero uno in 13 Paesi, il remix è finito anche nell’antologia Elv1s: 30 No. 1 Hits.

17“Somethin’ Stupid” Robbie Williams & Nicole Kidman

Una delle poche cose buone uscite dal periodo da Sinatrino di Robbie Williams è questo duetto con Nicole Kidman sulle note della canzone incisa per la prima volta da Carson and Gaile, ma portata al successo da Frank e Nancy Sinatra. È una canzone d’amore, anzi quasi di anti-amore (“e io rovino tutto dicendo una cosa stupida tipo ti amo”), e i due Sinatra erano padre-figlia. «Alcuni la chiamano La canzone dell’incesto», ha detto Nancy Sinatra, «credo che sia una cosa molto dolce». Ok.

16“Tainted Love” Marilyn Manson

La cover di una cover di una cover. La versione di Manson, dalla colonna sonora di Non è un’altra stupida commedia americana, richiamava infatti quella d’inizio anni ’80 dei Soft Cell di Marc Almond, che era a sua volta un rifacimento di un singolo anni ’60 di Gloria Jones. A questo link trovate altre canzoni che molti amano senza sapere che si tratta di cover.

15“Kiss Kiss” Holly Valance

Holly chi? Esatto, ogni epoca ha una sua Holly Valance, anzi più di una. La canzone è una cover di Şımarık del turco Tarkan.

14“Accetta il consiglio per questa volta” Linus

Sì, nel 2002 poteva andare in classifica un pezzo basato su un monologo di un film, in questo caso The Big Kahuna di John Swanbeck con Kevin Spacey. E se non volete accettare il consiglio di Linus, potete sempre accettare il coniglio di Elio.

13“By the Way” Red Hot Chili Peppers

L’Italia è probabilmente l’unico Paese in cui questo singolo, che parla di una serata a Los Angeles e dava il titolo al primo album dei Red Hot post Californication, è finito al numero uno della classifica generale. Nel video ispirato al film di Alejandro González Iñárritu Amores perros, Anthony Kiedis veniva rapito da un fan-tassista fuori di testa (non è dato sapere se con o senza POS).

12“Without Me” Eminem

Prima canzone di Eminem a ricevere una nomination ai Grammy (per la registrazione dell’anno, ma alla fine vinse Don’t Know Why di Norah Jones), è densissima. È uno di quei pezzi in cui il rapper affronta di petto la sua presenza nella pop culture dell’epoca, e lo fa ovviamente in modo spudorato e quasi fumettistico. Lo diceva lui: “Ho creato un mostro”.

11“Per me è importante” Tiromancino

Il pezzo della consacrazione pop per la band, all’epoca oramai interamente nelle mani di Federico Zampaglione. È uscita anche in versione duetto con Tiziano Ferro.

10“Electrical Storm” U2

Pur essendo finita al numero uno nel nostro Paese, non è certo fra le canzoni più celebri degli U2. È uno degli inediti del secondo greatest hits della band, che ci ha messo sette anni a suonarla dal vivo. Gli U2 l’hanno fatta pochissime volte, una a San Siro nel 2009, nel tour col palco al centro.

9“Wherever You Will Go” The Calling

Con tutti i Paesi che ci sono al mondo, proprio in Italia dovevano avere successo i Calling?

8“Le vent nous portera” Noir Désir

Difficile dire se questa canzone, all’epoca un gran successone, sia un po’ dimenticata perché semplicemente succede o perché il cantante dei Noir Désir Bertrand Cantat ha ucciso l’anno dopo Marie Trintignant. Cantat ha scontato la pena ed è uscito di prigione, non senza polemiche in Francia.

7“Die Another Day” Madonna

Non poteva mancare Madonna nell’elenco degli artisti che si sono cimentati con una Bond song. Questa era il tema dell’ultimo film con Pierce Brosnan nella parte di James Bond e Halle Berry come Bond girl. «James Bond needs to go techno», disse all’epoca la popstar.

6“Moi… Lolita” Alizée

Immaginatelo oggi: una ragazza di 16 anni (tanti ne aveva Alizée quando pubblicò il pezzo, che in Italia ha avuto successo a scoppio ritardato) a cui i veterani Mylène Farmer e Laurent Boutonnat mettono in bocca un testo su una scolaretta che attira gli uomini – il riferimento è ovviamente al personaggio di Nabokov. La canzone partecipò al Festivalbar, che all’epoca c’era ancora.

5“Questa è la mia vita” Ligabue

Ligabue: «È il tema di coda del film Da zero a dieci e non lo dico solo per precisione: bisogna ricordarsi che è comunque legata ai personaggi della storia, era a loro che volevo far dire certe cose. Comunque rappresenta benissimo anche me: non venite ad insegnarmi come dovrei vivere. Se ho bisogno ve lo faccio sapere».

4“Complicated” Avril Lavigne

Siccome Avril Lavigne è dappertutto anche nel 2022, della sua prima hit sapete già tutto.

3“All the Things She Said” t.A.T.u.

Le scandalosissime ragazzette russe che si baciavano e s’accarezzavano non erano esattamente sincere, ma un progetto messo in piedi a tavolino dal manager Ivan Šapovalov. Oggi verrebbe crocifisso.

2“Whenever, Wherever” Shakira

In patria era già una star, da noi e negli Stati Uniti fece il botto con questo pezzo in lingua inglese che metteva assieme un po’ di tutto, dalla musica latina a quella andina. All’epoca si contavano ancora i dischi venduti: alla fine dell’anno quelli di Whenever, Wherever erano oltre otto milioni.

1“Aserejé (The Ketchup Song)” Las Ketchup

Nel 2002 non c’era il Covid, ma c’era Aserejé, canzone appiccicosissima (come il ketchup) dal cui ascolto era quasi impossibile sottrarsi, a meno di non vivere nel nascondiglio di Bin Laden.

Fonte della classifica: FIMI.