Home Musica

Chi sono Gabriella Martinelli e Lula, in gara tra le nuove proposte di Sanremo 2020

Le due musiciste portano al Festival ‘Il gigante d’acciaio’, una canzone sui lavoratori dell’Ilva. Anche loro, come Matteo Faustini, arrivano da Area Sanremo

Gabriella Martinelli e Lula sono una delle nuove proposte del 70° Festival di Sanremo, dove portano la canzone Il gigante d’acciaio, dedicata alla storia dei lavoratori dell’Ilva. Le due musiciste collaborano da tempo – Gabriella Martinelli cura la produzione del primo EP di Lula –, ma il brano che hanno presentato a Sanremo è il primo che firmano insieme.

Classe ’86, Gabriella Martinelli è una cantautrice e polistrumentista di origini pugliesi. Si è formata facendo la busker in giro per l’Europa e, dopo la gavetta in festival, club e teatri, nel 2013 partecipa a The Voice of Italy e, due anni dopo, pubblica l’album d’esordio Ricordati di Essere Felice. Ha vinto alcuni premi legati alla canzone d’autore, tra cui il Bindi nel 2015, Musicultura nel 2014 e la Targa Bigi Barbieri nel 2018. Lo stesso anno pubblica il secondo album La pancia è un cervello col buco e diventa uno degli artisti del Tenco Ascolta.

Lula, nome d’arte di Lucrezia di Fiandra, è una cantante e polistrumentista nata nel 1995 a Roma, dove ha studiato batteria e pianoforte e si è fatta le ossa suonando in alcune formazioni locali. Al momento è al lavoro sul suo primo EP, e insieme a Gabriella Martinelli ha partecipato e vinto Area Sanremo 2019 con la canzone Il gigante d’acciaio, che ora canteranno sul palco dell’Ariston. 

Il brano racconta la storia di un ragazzo del quartiere Tamburi di Taranto – il “quartiere rosso”, vicinissimo all’Ilva – e di un incidente in fabbrica. “Mi piaceva l’idea che a riempire di forza questa canzone ci fosse un’altra donna come me”, ha detto Gabriella Martinelli. “Così ho coinvolto Lula, artista che stimo molto e con la quale collaboro alla produzione del suo progetto. Il brano nasce con l’intento di sensibilizzare su un argomento di cui si parla ancora troppo poco”.