Home Musica

Billie Joe Armstrong racconta i Sex Pistols: «Nessuno ha avuto il loro impatto»

«Con un solo disco hanno fatto a pezzi le stronzate tipiche del rock e hanno cambiato il mio approccio alla musica», dice il frontman dei Green Day della band di Johnny Rotten. «E non è vero che non sapevano suonare»

I Sex Pistols

I Sex Pistols hanno pubblicato solo un album – Never Mind the Bollocks, Here’s the Sex Pistols – che ha svelato tutte le stronzate che non andavano nel rock, e pure nel mondo. Nessuno ha avuto lo stesso impatto con un solo disco. La loro influenza è ovunque, dai Joy Division ai Guns N’ Roses, fino a Public Enemy, Smiths e Slayer. Never Mind the Bollocks sta alla radice di tutto il rock moderno e radiofonico. È un’opera meravigliosa che nessuno è mai riuscito a replicare.

Il fatto che non sapessero suonare è un mito. Per come la vedo io, Steve Jones è uno dei migliori chitarristi di tutti i tempi. È lui che mi ha insegnato come dovrebbe suonare una Gibson. Paul Cook era un grande batterista con un suono inconfondibile, esattamente come Keith Moon e Charlie Watts. Ci sono ancora tante band là fuori che cercano di suonare come i Sex Pistols e non ci riescono, perché erano grandi musicisti.

La differenza tra John Lydon e gli altri cantanti punk è che loro emulano quello che a lui veniva naturale. Non aveva niente di costruito. E per quanto riguarda il bassista, non credo sia stato un errore rimpiazzare Glen Matlock con Sid Vicious. Matlock era figo, ma Sid incarnava tutto quello che funzionava nel punk rock: era un rocker magrolino e pieno di stile, un tipo alla Elvis o alla James Dean. Detto questo, non c’è niente di romantico nella dipendenza da eroina. Sapeva suonare il suo strumento, ma era troppo fatto per riuscirci.

Le parole che Lydon ha scritto nel ’76 e ’77 sono ancora attuali, rilevanti per quello che succede di questi tempi. Nessun ha avuto il fegato di dire la verità come hanno fatto loro. L’unico che ha fatto qualcosa di simile è stato Bob Dylan, e nemmeno lui è stato altrettanto diretto.

La prima volta che li ho sentiti avevo 14 o 15 anni ed ero a casa di una ragazza. Ricordo perfettamente il rumore dei passi di Holidays in the Sun. Poi arriva la chitarra, come un tuono. Quando è entrata la voce di Lydon, volevo già distruggere il mio passato e creare qualcosa di nuovo. È questo l’impatto che hanno avuto su di me e la mia musica. Quando cerco di creare qualcosa penso sempre ai Sex Pistols, perché mi hanno mostrato quante possibilità ci sono nella musica. Non dovete emularli, ma è grazie a loro che potete fare qualunque cosa.

Il testo che avete appena letto fa parte della lista 100 Greatest Artists che Rolling Stone USA ha pubblicato tra il 2004 e il 2005. Potete leggerla qui.