Astroworld, secondo alcuni fenomeni sui social la colpa è di Satana e dei vaccini | Rolling Stone Italia
Home Musica

Astroworld, secondo alcuni fenomeni sui social la colpa è di Satana e dei vaccini

Video con milioni di visualizzazioni attribuiscono al demonio la responsabilità degli otto morti al concerto di Travis Scott. Qualcuno tira in ballo l'interazione fra musica e 5G. Bentornato, Medioevo

Travis Scott all'Astroworld il 5 novembre

Foto: Amy Harris/Invision/AP

È naturale che dopo una tragedia la gente cerchi risposte facili a domande difficili. Molti ad esempio si chiedono perché al concerto di venerdì scorso a Houston, che si è tenuto nell’ambito del festival Astroworld, abbiano perso la vita otto persone d’età compresa fra i 14 e i 27 anni. Qualcuno studia le ragioni della calca che s’è creata mentre Travis Scott saliva sul palco. Altri mettono in dubbio la cultura stessa di questi concerti, l’aggressività cioè delle persone che stanno sotto al palco. Qualcun altro preferisce puntare il dito contro un personaggio ben più celebre del rapper di Houston: Satana.

Cercando su TikTok la parola “Astroworld”, una delle prime risposte suggerite è “astroworld festival demonic”. Porta a video che hanno realizzato milioni di visualizzazioni. Per qualcuno il palco aveva la forma di una croce rovesciata ed era perciò un portale verso l’inferno, rappresentato dalla struttura ad arco. La maglietta che Scott indossava al concerto conterrebbe figure umane che varcano una soglia emergendone con quelle che sembrano corna, un segno del fatto che Scott stava portando i fan all’inferno, operando un sacrificio umano (TikTok non ha risposto alla richiesta di commenti).

«Se non credi che ci sia stato qualcosa di demoniaco al concerto sei spiritualmente cieco. Prego affinché Dio ti apra gli occhi», scrive un uomo in un post di TikTok che in un solo giorno ha totalizzato più di un milione di visualizzazioni. Altri segni hanno attirato l’attenzione della gente: le otto fiamme che partono sul fronte del palco rappresenterebbero le otto vittime sacrificali scelte per quella sera, per non parlare di una scritta apparsa sul palco che recita «ci vediamo dall’altra parte».

«Sono una grande fan di Travis Scott, ma questa roba è demoniaca», ha scritto un’utente di Twitter commentando un video in cui una creatura alata appare sulla sommità del palco di Scott. «È così che appare l’inferno?».

Altri tirano in ballo i vaccini anti Covid-19, che si è dimostrato essere sicuri ed efficaci nella prevenzione delle forme più serie d’infezione, scrivendo che potrebbero essere la causa delle otto morti. «C’entrano o magari non c’entrano, ma tutti gli spettatori dovevano essere vaccinati», twitta qualcuno. «Vari arresti cardiaci» (per la precisione, gli spettatori dovevano presentare la certificazione vaccinale o un test anti-Covid negativo).

Altri pensano che c’entri l’interazione tra il vaccino e le frequenze della musica di Scott. «Puntura + 5G + frequenza del suono = morte», commenta un utente di TikTok. Secondo alcuni, le autorità e i media mentirebbero circa il reale numero delle vittime giacché molte persone dicono di avere visto per terra più di otto persone.

Siamo abituati allla diffusione di teorie della cospirazione dopo tragedie a cui è difficile dare un senso. Quando nel 2012 un ragazzo ha ucciso 20 studenti e sei insegnanti della Sandy Hook Elementary School, Alex Jones di Infowars ha diffuso una teoria secondo sui sarebbe stata una messinscena (nell’ottobre 2021 Jones è stato condannato per diffamazione dalle famiglie delle vittime).

Una ricerca ha dimostrato che la gente tende ad abbracciare teorie cospirative in tempi di incertezza e grande stress come una pandemia o nei momenti di grande scontro sociale e politico. Le teorie sataniche hanno raggiunto il picco a cavallo tra gli anni ’80 e ’90 quando vari crimini furono attribuiti ad adolescenti che si supponeva adorassero il demonio. Ora idee del genere hanno trovato un terreno fertile nei gruppi di estrema destra come QAnon, che crede che una cabala di pedofili adoratori del diavolo minacci i bambini americani.

Travis Scott ha diffuso una dichiarazione e un video a proposito dei fatti di Houston porgendo le condoglianze ai familiari delle vittime. «Sono devastato», ha twittato venerdì scorso. «Prego per le famiglie e le vittime di quello che è successo all’Astroworld».

Ieri, Scott ha annunciato che pagherà i funerali delle vittime. Finora è stato citato in causa in 15 procedimenti legali. Alcune cause chiamano in causa anche il promoter Live Nation e persino Drake che sarebbe colpevole d’avere eccitato gli animi dopo essere salito sul palco con Scott. Scott e Live Nation hanno dichiarato che stanno cooperando con le autorità della città di Houston che indagano su quanto accaduto.

Questo articolo è stato tradotto da Rolling Stone US.

Altre notizie su:  Drake Travis Scott