Home Musica Anteprime Musica

Nella testa di un pittore infuria il rock-blues: l’anteprima di ‘Bueno’s’ dei Dust & the Dukes

Un uomo e una donna d’argilla legati da alcune corde cercano disperatamente di raggiungere una luce: ecco la storia del nuovo video del trio fiorentino

Un uomo e una donna d’argilla legati da alcune corde che ne impediscono i movimenti cercano a tutti costi di avanzare verso una fonte luce. Sotto, vibrano le note di un riff blues elettrico, pesante e distorto. È il video di Bueno’s, nuovo estratto dall’album d’esordio del trio fiorentino Dust & the Dukes che uscirà il 29 gennaio 2021 per Santeria Records.

«Bueno’s è un heavy blues nato di getto, come se la band fosse stata travolta da una tempesta di sabbia e la musica l’avesse alimentata», racconta la band. «Questa tempesta è creata nelle nostre intenzioni da tre elementi: un riff che si rifà al blues della tradizione, una beat robusto ed essenziale che ricorda la batteria di John Bonham, una voce che corre attraverso la sabbia e “morde” l’ascoltatore. Il testo racconta di come tutti là fuori vogliono dirti in che modo vivere la vita, ma per fortuna esistono ancora persone che si lasciano andare completamente al caos».

Se il pezzo è stato registrato come tutto l’album in presa diretta, «per preservare la sensazione coinvolgente della band nella tempesta», il video è più concettuale e pensato. È stato scritto a quattro mani dai registi Tobia Anzilotti Little (ovvero Gabriel Stanza, cantante dei Dust & the Dukes) e Pierfrancesco Bigazzi.

«Nel video è rappresentata figurativamente la tempesta musicale del gruppo», spiega il cantante. «Il luogo in cui si scatena il caos è in questo caso la mente di un pittore, che si trasforma in uno spazio indefinito dove i simboli vengono illuminati e mossi a ritmo di rock. Il pittore riflette sulla storia del peccato originale ed entriamo così nella sua immaginazione. I protagonisti sono infatti un uomo e una donna di argilla legati da alcune corde rosse, ovvero dal peccato, che cercano disperatamente di raggiungere la luce racchiusa in una cornice d’oro, emblema della libertà. Nel sogno l’uomo, Adamo, diventa una marionetta mossa dall’“alto”. È una lotta con se stessi».

Altre notizie su:  Dusk & the Dukes