Non è un pianeta per alti. È ora di combattere per un mondo a misura di spilungone! | Rolling Stone Italia
Home Culture Società

Non è un pianeta per alti. È ora di combattere per un mondo a misura di spilungone!

Napoleone, Churchill, Stalin e Mussolini misuravano tutti meno di un metro e 70. La segreta alleanza dei bassi è antica e ci fa vivere in un mondo pensato dai bassi, per i bassi. È ora di dire basta

Foto: Bert Hardy/Picture Post/Hulton Archive/Getty Images

Non è un pianeta per alti. Gli spilungoni sono orribilmente discriminati. Viviamo da secoli in un regime di nanerottolato. È ora di dire basta: non un centimetro di meno! Se non due metri, quanto?

La stragrande maggioranza dei leader umani non raggiungono il metro e ottanta, la storia si fa rasoterra. Da qui, una civiltà miniaturizzata, a misura di brevilinei. Per la gente alta restano carriere ornamentali: modelli, corazzieri, arricciatori di nuvole. I campionati di basket e pallavolo come riserve indiane. Sugli aerei, la classe economica per i bassi corrisponde alla business per gli alti. Se sei alto e povero sei fottuto. Siamo allo stesso tempo vittime e aguzzini: piantare le ginocchia nella schiena del passeggero davanti, non poter fare altrimenti. I conseguenti sguardi di odio: il mondo è basso e ti detesta. Difficile immaginare la rabbia per il proprio corpo, il senso di asfissia e costrizione. Quelle gambe sempre di troppo, vorresti arrotolartele al collo come una sciarpa. I tavoli dei ristoranti, sempre così stretti: al posto delle braccia ti ritrovi a gestire tentacoli imbizzarriti.

Piani-cucina, lavandini, comò, panchine, docce: è tutto pensato dai bassi, per i bassi. Il mal di schiena a ricordarti che in questo pianeta non sei di casa. Sei fuori luogo, perché il luogo è corto. La notte dormire supini con i talloni sospesi nel vuoto. Chinarsi al massimo della resistenza delle cartilagini verso la lavastoviglie, il cestino, la lavatrice, i vasi da innaffiare. Dove vedi delle spalle incurvate, lì ci sono decenni di sofferenza: la posa ingobbita come stimmate. Il goffo tentativo anatomico di adattarsi a un mondo ostile e lontano. Abbiamo anche noi il diritto di passare inosservati: ovunque metti piede, sei il primo a venire notato. In metro, in coda al supermercato, ai concerti. Ecco lì lo spilungone. Svettare controvoglia, le tue espressioni in mondovisione. Vulnerabili, in equilibrio precario, la prospettiva panoramica è la nostra condanna visiva. I bassi, ben piantati sulle gambe sicure, possono puntare alla tua giugulare. La terra è così distante, là giù, forse non esiste, gli alti sono portati all’astrazione, a pensieri aerei, a lasciar correre le faccende del mondo. A farsi fregare dai tappi.

Napoleone misurava 1,69, Churchill 1,67. Stalin 1,65, Mussolini 1,69. La segreta alleanza dei bassi è antica e trasversale. A vent’anni dalla sua morte, siamo ancora qui a parlare dell’altezza di Craxi come di un’eccezione degna d’editoriale. Impossibile immaginare un presidente della Repubblica più alto dei corazzieri. Andrebbero imposte per legge delle quote-stanga. Consigli di amministrazione, governi, direttivi: almeno un terzo dei membri dovrebbe toccare il metro e novanta. Verrebbero pensati abitacoli più accoglienti, sedie più comode, passaggi più generosi, normative ad hoc. Bisognerebbe abolire con decreto gli spigoli: il 90% dei bernoccoli spuntano sulla testa degli alti. Chiediamo agevolazioni sul prezzo del Lasonil e degli altri gel antinfiammatori. Solo uno spilungone dovrebbe poter parlare di spilungoni. Siamo una minoranza? E sia, allora vogliamo i diritti delle altre minoranze. Giraffa, badalone, lungagnone, pertica: per pronunciare queste parole dovresti essere in possesso di un patentino, rilasciato dall’organo competente, che certifichi la tua altezza con un metro a nastro autenticato dal Ministero per la Salvaguardia dei Longitipo. Espressioni come “altezza mezza bellezza” e “nella botte piccola sta il vino buono” saranno multabili perché evidentemente discriminatorie. Sembrano innocue, ma tramite loro il nanerottolato continua a dominare le coscienze mondiali.

Smettiamola di combattere le battaglie degli altri. Siamo arcistufi di chi vuole un mondo più bello, migliore. Noi vogliamo un mondo più alto, superiore.

Altre notizie su:  opinione