"U2 from 1978 to 1981": in mostra ad Asti foto inedite e racconti | Rolling Stone Italia
Home Culture News

“U2 from 1978 to 1981”: in mostra ad Asti foto inedite e racconti

I primi anni di vita della band di Dublino fotografati da Patrick Brocklebank: a Palazzo Ottolenghi, dal 22 marzo. Un anticipo in esclusiva su Rolling Stone

Gli U2 ai tempi di Boy e October attraverso gli occhi e i ricordi di Patrick Brocklebank (che fu anche loro amico) sono in mostra ad Asti, dal 22 marzo al 4 maggio. Immagini inedite di Bono Vox, Adam Clayton, Larry Mullen Jr., The Edge e aneddoti del fotografo, grazie ai quali si capiscono gli esordi della band e l’atmosfera di Dublino, vivace e ribelle, in quel periodo. Tutto questo in U2 from 1978 to 1981 a Palazzo Ottolenghi (Corso Alfieri 350 – Asti).

Quello è stato un momento speciale nella storia della musica. Vivevamo la stessa città e avevamo la stessa età

La mostra, organizzata da Officine Carabà in collaborazione con Libellula Press, è ad Asti, in esclusiva per l’Italia, dopo essere stata ospitata dal Dublin Little Museum e dalla Hall of Fame di Cleveland, con circa 100.000 visitatori paganti.

Bono Vox in mostra ad Asti

Alcuni degli aneddoti del fotografo Patrick Brocklebank, sui primi U2:

«Il 25 settembre del 1976, Larry Mullen, allora quattordicenne, pubblicò un annuncio sulla bacheca della Mount Temple School di Dublino. Cercava ragazzi che volessero unirsi a lui per formare la sua nuova band. Al provino si presentarono in otto: Larry Mullen e David Evans suonarono batteria e chitarra e poi c’erano Neil e Ivan McCormick, Peter Martin e Dik Evans, il fratello di David. Loro vennero presto scartati e rimasero gli ultimi due: Adam Clayton e Paul Hewson.

Il primo voleva diventare “il miglior bassista del mondo”, non era un granché ma aveva dalla sua parte l’ambizione e la tenacia, il secondo era poco più di un cantante dilettante ma aveva un certo qualcosa: carisma, spavalderia e una presenza scenica che avrebbe reso U2 un nome conosciuto a tutti. Larry in seguito ricordò: “Per circa dieci minuti è stata la mia band, poi è comparso Bono e ogni possibilità che io fossi il leader fu soffiata via”.

Per circa dieci minuti è stata la mia band, poi è comparso Bono» Larry Mullen Jr.

Il loro primo concerto fu un concorso per i giovani talenti della scuola e il secondo in una discoteca a Sutton, poi Adam fu espulso dalla scuola così mentre gli altri continuavano a studiare, lui diventò colui che trovava i concerti e le opportunità per suonare e crescere.

Quello è stato un momento speciale nella storia della musica. Noi vivevamo la stessa città e avevamo la stessa età, questa mostra cattura gli U2 nei loro primi tre anni e registra l’energia e l’ambizione di una band locale che avrebbe poi conquistato il mondo. Per noi Dubliners sono naturalmente molto di più di una rock band, sono diventati parte della nostra identità culturale”.»

Altre notizie su:  U2