Home Cultura News

Momo Challenge: la statua è stata distrutta

L'opera simbolo del gioco che ha creato il panico virtuale non è più tra noi

L'opera di Keisuke Aisawa non esiste più

L'opera di Keisuke Aisawa non esiste più

La Momo Challenge, una presunta sfida basata sui social media, con come simbolo una scultura simile ad un uccello che incoraggia i bambini a farsi del male, ha scatenato il panico su Internet. La polizia ha pubblicato post su Facebook per mettere in guardia i genitori. Le scuole hanno inviato e-mail agli studenti. E anche Kim Kardashian West ha postato su Instagram un post sul tema.

C’è solo un problema con la Momo Challenge: non è una cosa reale. Come riportato da Rolling Stone nei giorni scorsi, la Momo Challenge è solo l’ultima di una serie di leggende metropolitane di internet che hanno guadagnato visibilità a causa delle paure dei genitori riguardo l’uso della tecnologia, da Slender Man alla più recente Blue Whale Challenge.

Ciò non significa, tuttavia, che l’immagine ghignante e spettrale che ha ispirato Momo sia uscita dal vuoto. Il “volto” di “Momo” è in realtà basata su una scultura dell’artista giapponese Keisuke Aisawa, che inizialmente lo presentò nel 2016 in una mostra d’arte a Tokyo. E fortunatamente per i genitori (e il resto dell’umanità in generale, forse), Aisawa ha finalmente compreso il panico che la sua opera ha ispirato inavvertitamente, rivelando in una video intervista che la scultura è stata distrutta.

Via The Sun, Aisawa ha rivelato che la scultura non ha avuto molta attenzione quando l’ha esposta per la prima volta alla Vanilla Gallery di Toyko. Quindi è rimasto scioccato quando ha iniziato a vedere articoli e post che collegavano le sue opere a una “sfida” di WhatsApp che incoraggiava i bambini a farsi male.

“Quando Momo è apparso per la prima volta, è stato positivo perché la mia opera aveva ricevuto una certa attenzione. Sono stato contento”, ha detto. “Ma il modo in cui è stato usato poi è molto brutto. Le persone non sanno se è vero o no, ma, a quanto pare, i bambini si sono fatti male e io mi sento un po’ ‘responsabile’ per questo. Mi sento come se fossi nei guai, ma è tutto fuori dal mio controllo”.

Fortunatamente, Aiso dice di aver gettato la scultura di gomma l’anno scorso dopo che si era naturalmente rovinata. “Non esiste più, non è mai stata pensata per durare”, ha detto. Ha anche pubblicato un messaggio che rassicura i bambini che sono stati spaventati dalla “sfida”: “I bambini possono essere rassicurati Momo è morto: lei non esiste più e la maledizione è sparita”.

Leggi anche