Le mostre da vedere questa settimana (23 febbraio) | Rolling Stone Italia
Home Cultura News

Le mostre da vedere questa settimana (23 febbraio)

Da Cimabue a Morandi a Bologna, Katharina Hinsberg a Roma e Roberto Coda Zabetta a Milano: tre appuntamenti che non potete mancare se volete vivere come "Rolling Stone" comanda

Le mostre da vedere questa settimana (23 febbraio)

Le mostre da vedere questa settimana (23 febbraio)

1. “Da Cimabue a Morandi. Felsina Pittrice” di centinaia di nomi  a Bologna

MorandiChi? Tanti nomi. Tantissimi. Da capogiro.
Cosa? Da Cimabue a Morandi. Felsina Pittrice: a cura di Vittorio Sgarbi. Oltre sette secoli di storia bolognese raccontati in 200 opere: da Cimabue a Niccolò dell’Arca, da Vitale da Bologna al Parmigianino, dai Carracci a Guido Reni e Guercino, da Donato Creti a Antonio Canova, da Lucio Fontana e Arturo Martini a Giorgio Morandi e tanti altri. Una mostra nata sotto il segno della polemica di qualche vecchio trombone, ma dobbiamo dire che uno Sgarbi così in forma non lo vedevamo da un po’. Li ha sotterrati tutti. Andateci, ovunque voi abitiate.
Dove?  Bologna (Palazzo Fava – Via Manzoni 2)
Quando? Fino al 17 maggio 2015
Lunedì 12-19
Martedì, mercoledì, giovedì e domenica 9-19
Venerdì e sabato 9-20
Quanto? Biglietto intero 12 euro
Info www.genusbononiae.it

 

2. “Spatien” di Katharina Hinsberg  a Roma

Hinsberg

Chi? Katharina Hinsberg
Cosa? Spatien: la prima e suggestiva mostra dell’artista tedesca in Italia. Un caos che, disorientando, invita a riflettere sui punti di riferimento dell’uomo. Con questa mostra inaugura anche il nuovo spazio della squisita Marie-Laure Fleisch, che scruta da sempre le avanguardie internazionali in modo originale e libero.
Dove? Roma (Galleria Marie Laure Fleish – Via di Pallacorda 15)
Quando? Fino al 21 marzo 2015
Dal lunedì al venerdì 14-20
Sabato 16-20
Quanto? Ingresso libero
Info www.galleriamlf.com

 

3. “FILM# 00-56” di Roberto Coda Zabetta a Milano

Coda Zabetta

Chi? Roberto Coda Zabetta
Cosa? FILM# 00-56: una mostra che segnala una svolta nel linguaggio dell’artista, che fino a oggi ci aveva abituato ad altro. E se il mondo dell’arte contemporanea pare tornare lentamente al figurativo (sarà poi vero), il sempre interessante Coda Zabetta va controcorrente e ci presenta venti grandi tele che vanno verso l’astratto.
Dove? Milano
(Fondazione Mudima – Via Tadino 26)
Quando? Fino al 8 aprile 2015
Dal lunedì al venerdì 11-13 e 15-19.30
Quanto? Ingresso libero
Info www.robertocodazabetta.com