Home Cultura News

La targa di Penny Lane a Liverpool è stata imbrattata con la scritta ‘razzista’

L'ipotesi è che la strada resa celebre dai Beatles sia dedicata a James Penny, commerciante di schiavi. "C'è dibattito, ma le prove raccolte non sono risolutive", ha detto un portavoce dell'International Slavery Museum di Liverpool

Foto: Peter Byrne/PA Images via Getty Images

Penny Lane, la strada di Liverpool considerata tempio dei Beatles, dove crebbero Paul McCartney, John Lennon e George Harrison e a cui poi i Fab Four dedicarono il brano omonimo uscito nel 1967, è diventata bersaglio della protesta antirazzista perché si ritiene che porti il nome di un commerciante di schiavi: James Penny.

La targa è stata imbrattata con dello spray nero: “Penny” è stato cancellato e sul muro dietro è comparsa la scritta “racist“, “razzista”.

Non è affatto certo però che la strada sia stata intitolata a James Penny, famigerato trafficante di schiavi del XVIII secolo di Liverpool, città portuale che, nei secoli scorsi, è stata centro dello schiavismo in Inghilterra. Il sindaco Joe Anderson ha negato il legame e ha dichiarato di essere “arrabbiato per il vandalismo contro le insegne delle nostre strade. Questo gesto non aggiunge nulla né alla causa di Black Lives Matter a Liverpool, né al dibattito£. Intanto l’International Slavery Museum di Liverpool continua a fare4 ricerche a riguardo. “C’è dibattito, ma le prove raccolte non sono risolutive”, ha detto un portavoce del museo, sottolineando che “è un tema estremamente importante per l’istituzione e per la città ed esortiamo chi abbia informazioni a condividerle”.

La targa è poi stata ripulita da alcuni residenti della zona.