Filippo La Mantia: sei canzoni che mi hanno accompagnato in cucina | Rolling Stone Italia
News

Filippo La Mantia: sei canzoni che mi hanno accompagnato in cucina

Abbiamo chiesto all'oste e cuoco (e grande appassionato di musica) un po' di pezzi da ascoltare in occasione dell'apertura del suo bistrot a Venezia

Filippo La Mantia nel suo nuovo bistrot di Venezia

Filippo La Mantia ha di recente aperto un nuovo spazio, il San Giorgio Café a Venezia. Un bistrot, l’unico sull’isola di San Giorgio Maggiore, all’interno della Fondazione Giorgio Cini, realizzato da D’Uva con l’oste e cuoco Filippo La Mantia.

L’isola è meravigliosa, il posto anche – i cannoli e la caponata ve le lasciamo immaginare. E non lo diciamo solo perché La Mantia è un bravo cuoco. Ma lo diciamo anche perché è un musicista, nel tempo libero e un sacco di altre cose.

Abbiamo chiesto a lui una manciata di canzoni e lui le ha descritte così: “Fanno parte della mia vita. Ho iniziato ad ascoltare rock e blues da quando avevo 13 anni. Mi hanno sempre accompagnato e le reputo la colonna sonora della mia vita…”

“Asia” di Edoardo Bennato

“Rock or Bust” di AC/DC

“Do You Feel Like We Do” di Peter Frampton

“Tears in Heaven” di Eric Clapton

“The Great Gig in the Sky” di Pink Floyd

“Room to Move” di John Mayall

Altre notizie su:  poplife