Home Cultura Libri

L’età d’oro di Bob Dylan

Un grande fotografo racconta per immagini la forza creativa della NY anni '60. E del suo cantore, ritratto come mai prima in ‘Dylan by Schatzberg’, libro edito da Skira

Sfoglia la gallery 12 Foto

“Non potrei mai immaginare Bob Dylan che lavora in ufficio. Me lo figuro al pianoforte, in uno studio o in cima a una scala… Ops! Sono caduto dalla scala… non riesco a raggiungere il telefono”. Jerry Schatzberg, leggendario fotografo di moda e regista newyorkese classe ’27, spiega così la genesi di uno degli scatti più famosi tra quelli concessi da Dylan (e da Bobby Neuwirth, cantante, buttafuori e amico di Zimmerman, qui in veste di fotografo).

Dylan sulla scala 1965. Foto compresa in DYLAN / SCHATZBERG, Skira editore, © 2018 Jerry Schatzberg

È una delle centinaia di immagini che corredano Dylan by Schatzberg, volumone edito da Skira che raccoglie per la prima volta in Italia tutti i suoi ritratti al menestrello di Duluth. “Sono arrivato a lui un po’ in ritardo, grazie a due miei amici. Ho iniziato a fotografarlo e l’ho conquistato all’istante”, scrive Schatzberg, nelle memorie nel libro.

Il fotografo – autore dell’iconico scatto di Blonde on Blonde – racconta con il suo lavoro un’epoca e un clima culturale: la New York anni ’60 della creazione senza sosta. “Come soggetto Dylan era il migliore: bastava puntargli addosso l’obiettivo e le cose accadevano”, dice Schatzberg, che ha contribuito non poco a estendere il mito di uno che come pochi altri ha fatto il Novecento.

Leggi anche